contador gratis
SEI IN > NOTIZIE BOLOGNA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Addio al partigiano ‘Arno’: Gildo Bugni si è spento a 96 anni

2' di lettura
14

BOLOGNA - L’Anpi di Bologna piange la scomparsa del partigiano Gildo 'Arno' Bugni. Era nato a L’Aquila il 2 novembre 1927 e si è spento a 96 anni, "ma poco ci consola la veneranda età.

Nessuna come la sua può essere definita vita resistente, tutto della sua biografia racconta di impegno civile, lotta politica e Resistenza, sempre", scrive l'Anpi in un comunicato che annuncia il decesso. Entrato nella Resistenza giovanissimo, "d’altra parte cos’altro avrebbe potuto fare- come disse lui stesso- un bambino che a nove anni vede il padre morire per le torture subite dai fascisti?", fu staffetta, militò nella brigata della divisione Modena della quale divenne vicecomandante. Rimase ferito durante i combattimenti per la difesa della Repubblica partigiana di Montefiorino. Sfuggito all'eccidio di Cà Berna del 27 settembre 1944, fu catturato il giorno dopo dai tedeschi. Salvato dalla fucilazione per l'intervento di un maresciallo tedesco per essere deportato in Germania riuscì a fuggire un mese dopo. Tornato a Bologna, militò nella 1a brigata Irma Bandiera Garibaldi. Giunse alla Liberazione con il grado di sottotenente.

"Come per molti partigiani il periodo della lotta di Liberazione fu anche occasione di crescita culturale e politica", sottolinea l'Api. "Davvero Gildo Bugni (che nessuno chiamava mai Ermenegildo) ha lottato per un mondo più giusto e migliore e cocente fu, quindi, la delusione quando a guerra finita dovette constatare che circa i diritti a cominciare dai diritti nel lavoro, c’era ancora tantissimo da fare", riconosce e ricorda l'Anpi. Presto fu licenziato dalla fabbrica in cui lavorava come operaio perché protestava per le condizioni malsane dell’ambiente in cui lavorava. Gildo 'Arno' Bugni fu definito “bolscevico, nemico del padrone, pericoloso per tutte le democrazie occidentali” qualifica che gli impedì di trovare qualunque altro impiego e lo costrinse ad arrangiarsi come venditore ambulante. Ha proseguito il suo impegno politico nel Pci e dell’Anpi è stato a lungo il segretario provinciale. "Bologna perde una persona preziosa e l’Anpi perde un caro amico io- ha dichiarato Anna Cocchi, presidente dell'associazione dei partigiani- perdo un punto di riferimento, un maestro su cui ho sempre potuto contare".



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 21-11-2023 alle 19:39 sul giornale del 22 novembre 2023 - 14 letture






qrcode