contador gratis
SEI IN > NOTIZIE BOLOGNA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Stefano Bonaccini al convegno di Confartigianato Emilia-Romagna

7' di lettura
58

"Emilia Romagna punto di riferimento per lo sviluppo economico e sociale?" è stato il tema al centro del convegno che si è tenuto giovedì 26 gennaio al Savoia Hotel di Bologna. Un dialogo tra il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il presidente nazionale di Confartigianato, Marco Granelli, e il presidente regionale di Confartigianato, Davide Servadei, moderato da Agnese Pin direttrice di QN, Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno.

Un'occasione per riflettere sui temi caldi dei prossimi mesi: dai costi dell'energia alla mancanza di manodopera, dalla necessità di creare un sistema formativo di qualità, fino al dialogo tra parti sociali e Regione per continuare a garantire ai nostri territori una crescita all’avanguardia in Italia e in Europa.

La sintesi del dibattito Bonaccini: “Artigianato, cuore pulsante di questa regione” I dati ci dicono che in questo 2023 la crescita a livello nazionale sarà ridotta rispetto a quella degli ultimi anni, anche se in Emilia Romagna potrà essere più robusta proprio per la caratteristica del sistema produttivo regionale, caratterizzato soprattutto da piccole e medie impresa, con manifatture di livello talmente eccellente da essere in grado di competere con i territori più avanzati d’Europa e del mondo. Il nostro compito è di accompagnare questa crescita con tutti gli strumenti necessari, semmai adattandoli anche a quelle che sono le caratteristiche del nostro tessuto produttivo. Fondamentale sarà la ripresa e il rilancio del turismo che già la scorsa estate ha dato segnali importanti, in alcuni casi superiori a quelli pre pandemia. Per non disperdere i nostri sforzi è necessario che si abbassi l'inflazione e i relativi costi delle materie prime e dell'energia che stanno mettendo in difficoltà tante imprese. L’Emilia Romagna è stata la regione con la crescita più elevata, addirittura siamo primi anche sul valore aggiunto industriale a livello europeo, davanti alle regioni tedesche. Se saremo capaci di accompagnare questo percorso con sempre più investimenti in ricerca e innovazione, e puntando sulla transizione digitale ed ecologica, potremo fare correre l’Emilia Romagna ancora una volta più forte del resto d’Italia. Il ruolo dell’artigianato e della piccola media impresa è fondamentale, oltre il 90% delle imprese di questa regione hanno queste caratteristiche. L'artigianato esprime capacità e qualità che hanno permesso negli ultimi decenni di costruire moltissime opportunità, non solo di fare impresa ma anche di posti di lavoro. Mi auguro che, come chiede anche Confartigianato, il Governo ascolti la richiesta che arriva dai territori per tagliare il costo del lavoro. Abbiamo bisogno di un beneficio fiscale per le imprese che assumono e investono, e sul fronte occupazionale di aumentare i redditi che purtroppo in Italia negli ultimi 30 anni sono cresciuti meno che nel resto dell’Europa e superare la precarietà del lavoro. Così come la formazione è fondamentale per creare quelle figure professionali che oggi mancano, ma nello stesso tempo dovremo essere capaci di trattenere e richiamare talenti da altre parti d’Italia e dal mondo. La Regione, a questo proposito, sta predisponendo una legge apposita.

Granelli “Porre al centro i temi del lavoro” Per il 2023 come Confartigianato vogliamo porre al centro il tema del lavoro. Crediamo che occorra sviluppare delle politiche attive capaci di creare quelle figure professionali necessarie alla crescita e allo sviluppo delle imprese. Dobbiamo incentivare i giovani perché vengano a rimpinguare le file dell'artigianato, così da dare la possibilità a tanti di potere continuare questa grande tradizione artigiana. E per farlo l'apprendistato è lo strumento più valido, accanto a percorsi formativi continui che sono il vero valore aggiunto. Un altro fronte che ci vedrà impegnati è quello della transizione digitale. Nel 2023 vogliamo mettere ancora di più al centro dell'attenzione l'artigianato 4.0, perché siamo convinti che un artigiano che tiene conto di questa innovazione sarà in grado, anche dai luoghi più disagiati e remoti, di arrivare in ogni parte del mondo. La padronanza e la dimestichezza con queste tecnologie potranno renderci partecipi di questo grande obiettivo che è quello di mantenere questa regione ai primi livelli nazionali ed europei. L'altro grande tema che affronteremo sarà quello legato all’indipendenza energetica. Dal 1973 paghiamo lo scotto di non avere saputo creare delle infrastrutture adatte. Ora credo che si debba sviluppare una politica energetica che io amo definire di prossimità. Ciascun territorio deve valorizzare le proprie peculiarità: in certi posti si potrà fare del fotovoltaico, penso ai tanti tetti dei nostri laboratori e dei nostri capannoni, in altri si potrà fare ricorso alle biomasse, alla geotermia o al mini idroelettrico. Certo non sono la soluzione totale, ma sembrano cose che possiamo mettere in campo subito e che possono dare un beneficio immediato alle nostre aziende e alle nostre comunità. Tutto questo va accompagnato con un'opera di sburocratizzazione che renda più agevole percorrere queste strade e infine, ma non ultimo, bisogna eliminare l’incidenza degli oneri strutturali sulle bollette.

Servadei: “Il grande problema è quello della mancanza di manodopera e, quindi, di un sistema formativo all’avanguardia” Certamente al centro dell'attenzione vi sono i temi del rincaro delle materie prime e dei prezzi dell’energia, ma io vorrei aggiungere un ulteriore elemento che sta creando non pochi problemi ai nostri imprenditori: la mancanza di manodopera. Il reddito di cittadinanza su questo fronte è un problema, non è pensabile che qualcuno riceva soldi in cambio di nulla. C’è una grossa percentuale di persone che devono continuare a riceverlo, ma ve ne sono molte altre che devono rimettersi in gioco. C’è una grande turnazione nel mondo del lavoro e questo, per determinate attività, impedisce di creare professionalità tali da garantire la qualità dei prodotti per i quali siamo riconosciuti nel mondo. La formazione è l’aspetto cruciale di tutto questo ragionamento. Bene trattenere e fare arrivare nuove figure professionali, ma queste persone devono essere formate con un’attenzione in più. Non basta dare risposte all’emergenza odierna, ma è necessario guardare avanti. I lavori che servono oggi non è detto che siano gli stessi di domani. Con la Regione abbiamo svolto un ottimo lavoro sui bandi, tanto che quello sulla digitalizzazione ha fatto il pienone, a dimostrazione che il nostro mondo non arretra di fronte alla sfida dell'innovazione e della digitalizzazione, ma oggi chiediamo un passo in più. Tutti questi strumenti devono anche essere pensati a misura di piccola e media impresa, troppe volte ci troviamo di fronte a misure che escludono artigiani e piccole attività perché pensati ad hoc per la grande impresa. “ Confartigianato Emilia Romagna ha organizzato questo momento di confronto all’inizio dell’anno per dare il senso della nostra volontà di essere attori in positivo dello sviluppo della regione. Un importante confronto sulle sfide che saremo chiamati ad affrontare nel prossimo futuro - ha concluso Amilcare Renzi , segretario di Confartigianato Emilia Romagna -. Il nostro è un mondo molto attento, ricco di valori, che ha sempre saputo rimboccarsi le maniche e che ha dimostrato di saper affrontare tutte le sfide con quella passione e determinazione necessarie per vincerle e lo farà anche nel futuro. Veniamo da momenti difficili e da anni complessi, abbiamo dimostrato una straordinaria capacità di innovazione ed ammodernamento delle nostre imprese, siamo orgogliosi del lavoro fatto. Oggi affrontiamo con preoccupazione, ma con altrettanta serenità e positività, il futuro perché i dati, confermati anche dal nostro Centro studi, dimostrano che la nostra regione vive una situazione positiva, con numeri ed elementi che ci fanno ben sperare”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-01-2023 alle 08:34 sul giornale del 30 gennaio 2023 - 58 letture






qrcode