contador gratis

"Dare cibo non basta": la fotografia di Don Matteo Prosperini sulla povertà a Bologna

2' di lettura 14/11/2022 - Il direttore della Caritas diocesana fa il punto della situazione in occasione della sesta Giornata dei poveri indetta da Papa Francesco

I poveri aumentano e si diversificano. Il costo dell’energia, l’inflazione, l’onda lunga della pandemia, sono tutte cause di una situazione che rischia di sprofondare nei prossimi mesi. «Dobbiamo prepararci per non dover sempre rincorrere le emergenze», spiega il direttore della Caritas diocesana di Bologna, don Matteo Prosperini, aggiungendo che quella che viviamo oggi «è una quiete prima della tempesta, i cui primi sentori sono già visibili, anche se sotto traccia». I numeri delle richieste degli aiuti economici lo confermano: sono passati dal 38 per cento al 45 del totale degli 861 mila euro donati dalla Caritas, contro il 26,6 per cento di contributi per l’affitto e il 27,5 per trasporti, sanità e altre voci.

In aggiunta, un’analisi realizzata da Antoniano onlus sulle 18 strutture francescane della rete Operazione Pane in tutta Italia, ha evidenziato come, nel giro di tre anni, sono quasi raddoppiate le famiglie costrette a rivolgersi alle mense francescane per sopravvivere, con una tendenza in peggioramento. A Bologna, quest’anno sono oltre cento le famiglie sostenute dalla mensa dell’Antoniano, con un incremento del 90 per cento rispetto al 2019. Si parla di 128 mamme, 55 papà e 223 bambini, oltre a circa 1.500 singoli utenti e quasi 4.700 pasti distribuiti ogni mese.

«L’aumento delle persone nelle mense non è accaduto ieri, è un trend che dalla fine della pandemia abbiamo tutti registrato — spiega il direttore della Caritas diocesana —. L’analisi seria che bisogna fare è cosa significa essere usciti da questa crisi legata alla pandemia e cosa significa oggi vivere e lavorare in un’epoca dove siamo di fronte evidentemente a delle difficoltà economiche anche per una fascia di popolazione che noi non abbiamo mai considerato immediatamente indigente».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Bologna.
Per Telegram cercare il canale@Bologna_Notizie o cliccare su https://t.me/Bologna_Notizie.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0319481 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
È attivo anche la pagina Facebookhttps://www.facebook.com/viverebologna.it, l'account Twitter @VivereBologna e il profilo Mastodon: @VivereBologna@bologna.one.





Questo è un articolo pubblicato il 14-11-2022 alle 17:32 sul giornale del 15 novembre 2022 - 46 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dCDq





logoEV
qrcode