contador gratis
SEI IN > NOTIZIE BOLOGNA > CRONACA
articolo

Nel ristorante scoperti 7 lavoratori in nero, due ricevevano il Reddito di cittadinanza

1' di lettura
160

guardia di finanza
I Finanzieri del Comando Provinciale di Bologna, nell’ambito delle ordinarie attività di polizia economico–finanziaria di prevenzione e contrasto al lavoro nero, hanno eseguito un controllo nei confronti di un noto esercizio commerciale operante nell’ambito della ristorazione, riscontrando, da parte del gestore del locale, il massiccio ricorso all’impiego di manodopera “in nero”.

In particolare, in sede di accesso, le fiamme gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano hanno rilevato come la metà del personale impiegato prestasse la propria attività lavorativa in totale assenza di qualsiasi rapporto di lavoro, e dunque in assenza di una reale tutela assicurativa, assistenziale e previdenziale. Dai successivi controlli esperiti sul personale irregolare è emerso che due risultavano percepire il reddito di cittadinanza.

La conseguente verbalizzazione comporterà l’inoltro della prevista segnalazione all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Bologna per l’applicazione del “provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale”, nonché la contestazione, in capo al rappresentante legale, delle previste sanzioni in materia giuslavoristica, tra cui la c.d. “Maxi-sanzione per lavoro nero.

Nello specifico, complessivamente, le sanzioni comminabili potranno variare da un minimo di € 12.600,00 ad un massimo di € 25.200,00. L’attività esperita testimonia il costante impegno della componente territoriale della Guardia di Finanza di Bologna nella lotta a tutte quelle condotte, ivi incluse lo sfruttamento illecito di manodopera, che compromettono l’economia legale e minano la sana e leale concorrenza tra gli esercenti, danneggiando gli imprenditori onesti e rispettosi delle regole di Mercato.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Bologna.
Per Telegram cercare il canale@viverebologna o cliccare su https://t.me/viverebologna.

È attivo anche il canale Facebook: https://www.facebook.com/viverebologna.it



guardia di finanza

Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2021 alle 14:15 sul giornale del 17 novembre 2021 - 160 letture