contador gratis

Bologna ospita un evento di eccellenza, il Festival internazionale della Storia

Libri generico 3' di lettura 19/10/2015 - Dopo il successo di Reunion lo scorso maggio, Bologna ospita un altro evento di eccellenza: il Festival internazionale della Storia (17-25 ottobre), organizzato anche quest’anno da R.Dondarini, B.Borghi e altri studiosi del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’“Alma Mater Studiorum”.

Un susseguirsi in città di convegni, mostre, tavole rotonde, che movimentano lo spazio culturale della città petroniana, intrecciando aspetti storici, artistici, sociali, narrativi, epici. Quasi a voler distinguere, definire – marcare - l’anima di un preciso territorio. Quello bolognese, appunto.

In questa cornice non poteva mancare un tassello importante, offerto dal recente ritorno in serie A del Bologna calcio: un’occasione per riflettere su quel capitale sportivo e umano che si è accumulato in città, grazie alle relazioni sociali intrecciatesi in una storia che dura da più di cento anni. La città di Bologna e il calcio. Il Bologna FC 1909 e il suo contesto sociale e urbano. La storia di una città e dei suoi tifosi. Oggi come allora. Dunque la città e pure la squadra scoprono ciascuno la propria identità, partendo da quei colori rossoblu che entrambi condividono, e che brillano sia nel gonfalone del Comune, sia nella maglia della squadra. Quei colori che costituiscono il brand di un territorio e che parlano di passioni condivise e di sforzi comuni. Una relazione a fasi alterne, ma pur sempre una contaminazione virale, per una comunità che si dipana lungo chilometri di portici e che ha già percorso una storia lunga più di un secolo.

Di questo legame tra squadra e città si parlerà nel corso della tavola rotonda, che si svolgerà martedì 20 ottobre (ore 9:30 -12:00), presso la Biblioteca dell’Archiginnasio, Sala “Stabat Mater”, p.zza Galvani 1, Bologna. All’evento, dal titolo: BFC 1909. Un patrimonio della città tra storia e futuro, interverranno Luca Rizzo Nervo (Assessore alla Sanità e ai lavori Pubblici e allo Sport, Comune di Bologna), Giovanna Russo (ricercatrice dello SportComLab dell’Alma Mater – Centro Studi e ricerche sulla comunicazione sportiva del Dip. di Scienze dell’Educazione “G. M. Bertin”), Manuel Gulmanelli (presidente di Futuro Rossoblu), Marco Bo­nazzi (Dottore in Scienze Politiche e Servizio Sociale), Damiano Matteucci (Dottore in Scienze della Formazione). Per il Bologna FC1909 porterà un saluto Carlo Caliceti, responsabile dei rapporti con la stampa. Chairman della tavola rotonda sarà il Prof. Stefano Martelli, Ordinario di Sociologia dei Processi culturali e comunicativi presso il Dip. di Scienze dell'Educazione "G.M. Bertin", Università di Bologna “AMS”, e Responsabile dello SportComLab.

Nell’occasione verranno presentati alcuni risultati della ricerca di visual sociology: La bellezza del Bologna, svolta dallo SportComLab dell’Alma Mater mediante un’analisi dei ‘memorabilia’ –dalla Mitropa Cup (vinta nel 1962) alla reticella per capelli di Angiolino Schiavo (capocannoniere nella stagione 1931-32), ad altre testimonianze ancora–, collezionate dai tifosi rossoblu in cent’anni della nostra storia. Non solo un tuffo nel passato, ma anche un’occasione per costruire insieme il futuro rossoblu.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2015 alle 19:25 sul giornale del 20 ottobre 2015 - 544 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/app2





logoEV