contador gratis
SEI IN > NOTIZIE BOLOGNA > POLITICA
comunicato stampa

Il presidente della Regione Abruzzo Chiodi a Bologna: ilmodello welfare state è fallito

2' di lettura
777

Gianni Chiodi
‘Dobbiamo avere il coraggio di ammettere che l'attuale sistema di welfare è fallito e dobbiamo lavorare per trovare una terza via’. Lo ha detto il presidente della Regione, Gianni Chiodi (nella foto), parlando a Bologna sul welfare di comunità.

"E' un sistema che è fallito perché ha costi insostenibili per i cittadini - ha spiegato Chiodi - e ci siamo resi conti che in queste condizioni i nostri figli non potranno avere il supporto sociale che abbiamo avuto noi. Da qui la necessità di battere la terza via del welfare di comunità, cioè di un welfare sostenibile che tenga conto dei mutamenti demografici, dell'allungamento medio della vita e della conclusione del ciclo della risorse pubbliche”.

“Questo nuovo modello - ha sottolineato Chiodi - deve essere sostenibile in modo da diventare sistema di protezione sociale per i nostri figli. La terza via o il welfare di comunità richiede però una nuova cultura comunitaria in grado di recepire le novità. Dalle Regioni deve venire uno sforzo di innovazione per non restringere e ridurre i diritti sociali che hanno un costo alto per essere garantiti. Significa capovolgere del tutto l'attuale impostazione culturale basata sull'idea che ha valore primario l'interesse individuale, mentre al resto ci pensa lo Stato. Questo nonè più possibile ed è invece necessario far nascere la cultura comunitaria che implica doveri e impegni che non possono essere delegati o scaricati sulla Stato. Questo è il welfare che ho in mente io e questo è il welfare di comunità".

Il presidente della Regione ha poi illustrato brevemente alla platea della Fondazione Santa Clelia Barberi che ha ospitato il convegno, il lungo e difficile cammino di risanamento della sanità regionale. "Abbiamo riportato in ordine i conti della sanità senza tagliare i servizi ed anzi spendendo di più ma meglio. Rispetto al 2008 spendiamo nella sanità 154 milioni di euro in più che abbiamo destinato ai presidi sul territorio, con una rete di assistenza che prevede la nascita delle Unita complesse di cure primarie (Uccp) e delle Unità territoriali di assistenza primaria (Utap), solo per citarne alcune”.

"Sono presenti su tutto il territorio regionale - ha insistito il presidente della Regione - i Nuclei delle cure primarie sia in gruppo sia in rete. Si tratta di un modello di aggregazione volontaria di medici che si organizzano per garantire copertura di assistenza nell'arco delle 24 ore. L'obiettivo è ridurre le liste di attesa. In Abruzzo ne abbiamo 49 su un totale di 436 medici impegnati. Sul fronte degli ospedali, invece, abbiamo abbandonato la visione 'ospedalocentrica' che aveva l'Abruzzo per far posto alla riconversione di alcune unità come presidi territoriali di assistenza, che garantiscano punti di primo intervento".



Gianni Chiodi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-10-2013 alle 11:04 sul giornale del 04 ottobre 2013 - 777 letture