contador gratis

Bologna: un 55enne di Jesi accoltella il rivale in amore alla stazione, arrestato

sergio ucciero 1' di lettura 13/10/2012 - Tragedia al binario 1 della stazione centrale di Bologna. Un 53enne è stato ucciso a coltellate dall’ex marito 55enne della sua compagna sabato mattina.

Era quasi mezzogiorno quando Alessandro Porrovecchio, vedovo torinese e padre di due figlie, è giunto alla stazione di Bologna per incontrare la sua compagna, Giuliana Carretta, 49 anni, che viveva ancora a Jesi con il marito dal quale si stava separando.

Proprio la gelosia sarebbe alla base dell’omicidio commesso da Sergio Ucciero, 55enne, originario di Sondrio e residente a Jesi. L’uomo, che lavora a Senigallia come responsabile per la Provincia di Einaudi Editore e dove ha un ufficio in via Arsilli, infatti non avrebbe mai accettato la fine del matrimonio e la nuova relazione amorosa instaurata dalla moglie.

Sabato mattina Ucciero ha seguito la moglie fino alla stazione di Bologna. Dopo aver individuato la moglie insieme a Porrovecchio, Ucciero si è avvicinato ai due sul primo binario. In mano teneva un giornale sotto al quale teneva due coltelli. Improvvisamente l'uomo ha sferrato con un coltello da cucina un colpo mortale da dietro all'altezza del cuore al rivale in amore. Porrovecchio si è accasciatoa terra sotto gli occhi della compagna e della folla.

L’agente editoriale, fermato prima da un militare fuori servizio e affidato poi agli agenti della Polfer, è stato quindi arrestato e condotto in carcere. Ucciero non ha opposto resistenza, si sarebbe limitato a dire ai poliziotti "Fuggire non fuggo, quello che dovevo fare l'ho fatto".








Questo è un articolo pubblicato il 13-10-2012 alle 23:06 sul giornale del 15 ottobre 2012 - 1443 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, omicidio, coltello, sudani scarpini, Sudani Alice Scarpini, sergio ucciero, alessandro porrovecchio

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici





logoEV