Assedio degli animalisti al canile dei Beagle cavia

BRESCIA, 22 NOVEMBRESono arrivati da ogni regione per chiedere la dismissione dell’allevamento di beagle destinati alla vivisezione. Tanta gente e tanta partecipazione a una manifestazione senza tensione. Il grande corteo nei giorni scorsi è tornato a Montichiari per urlare un forte“basta” allo sfruttamento degli animali nella vivisezione e nella sperimentazione farmaceutica, segnando un punto a favore della causa.

Tantissime persone hanno dato vita a un corteo pacifico e determinato, senza alcuna tensione. Erano, infatti, oltre quattromila, secondo la fonte questura, le persone arrivate da tutta l’Italia con pullman, furgoni e automobili per urlare la loro rabbia contro il sindaco di Montichiari e la società americanaMarshall”, proprietaria dell’allevamento di cani beagle, destinati alla vivisezione.

[ad#Juice 250 x 250][ad#HTML-1]

Unico momento particolare, il blitz a colpi di vernice spray contro l’abitazione del commercialista dell’azienda del gruppo Marshall, imbrattata con la scritta “Assassino!”. La Digos ha identificato i responsabili che rischiano una denuncia per danneggiamento. Un gruppo di attivisti si è poi separato dal corteo, con l’intento di raggiungere e fare irruzione nell’allevamento sul colle di San Zeno, ma ha dovuto desistere di fronte al cordone di forze dell’ordine che presidiavano la Green Hill.

Alla manifestazione, anche l’ex ministro al Turismo Michela Brambilla, che è stata accolta con fischi e insulti ma anche da applausi e incitazioni a proseguire la sua battaglia giudiziaria contro la Green Hill, avviata con un esposto alla procura. La manifestazione è terminata davanti al Comune, dove il corteo ha intonato slogan ostili contro il Sindaco Elena Zanola, come risposta al provvedimento di chiudere e sbarrare l’ingresso alla piazza del palazzo comunale con barriere protette dalle forze dell’ordine. E sempre davanti al Comune è attesa la prossima protesta del 2 dicembre, ancora una volta tutti insieme per lottare contro le barbarie della vivisezione.

RS Sabrina Brandone

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.