L’onda cannibale non si ferma. Una droga sintetica trasforma gli uomini in zombie

L’onda cannibale non si ferma. Una droga sintetica trasforma gli uomini in zombie

NEW YORK, 28 GIUGNO – No, non siamo di fronte al remake di un film di George Romero ‘La notte dei morti viventi’ e nemmeno di fronte alla sceneggiatura di ‘Zombie’di Dario Argento, né tantomeno al cospetto di un truculento film splatter di un qualche regista dimenticato. Non c’è finzione, è tutta realtà. Gli zombie esistono davvero e gli Stati Uniti si trovano a dover fronteggiare l’ennesima assurda spirale di violenza indotta da sostanze allucinogene…

Con ordine. Tutta colpa principalmente da una sostanza chiamata ‘metilenediossipirovalerone’, per semplificare MDPV. Si tratta di una sostanza psicoattiva con proprietà stimolanti che agisce come inibitore della ricaptazione di noradrenalina e dopamina che nell’ultimo decennio sta prendendo sempre più piede come droga sintetica. In breve questo tipo di sostanza rende simile ad uno zombie chi ne fa uso, meglio ancora un cannibale! Non è uno scherzo o la classica burla per parlare di qualcosa.

Sono molti i casi verificatisi nei giorni scorsi negli Stati Uniti che hanno visto trasformarsi uomini in zombie e un certo allarmismo è immediatamente scattato.

Da Miami a New York a Lafayette in Louisiana i casi continuano a ripetersi e quello che più sconvolge è la brutalità e la cattiveria dei gesti compiuti da questi esseri che ormai non possono più essere definiti persone. Le foto mostrate dai vari quotidiani esteri sono raccapriccianti, volti sfigurati, braccia staccate dal corpo, sguardi allucinati come degni fotogrammi del miglior film in cui il protagonista è Hannibal Lecter.

Tutta colpa dei così chiamati ‘sali da bagno’, la droga in arrivo dalla Gran Bretagna, acquistabile via internet. Un concentrato di potenza allucinogena che scatena gli istinti più bassi di chi ne fa uso. Una droga che può essere iniettata, ingerita o sniffata. Gli americani sperano di riuscire a fermare gli acquisti su internet ma l’impresa è veramente difficile, così com’è impossibile anticipare le mosse dei soliti consumatori della droga. Fatto sta che al momento la situazione è fuori controllo ed i casi continuano a ripetersi. Ronald Poppo senza tetto di 65 anni il cui volto è stato sfigurato dai morsi del 31enne Rudy Eugene; la figlia di 3 anni di  Pamela McCarthy carnefice e vittima; Charles Baker che strappa letteralmente il braccio del suo amico; Todd Credeus sfigurato dai morsi dall’ex marito della sua attuale convivente. Insomma un delirio collettivo causato da questa nuova droga che speriamo abbia vita breve…

Poi ci sono anche altri casi legati ad altre droghe o a stupidi momenti di imitazione. Qualche giorno fa, infatti, a causa dell’uso di marijuana sintetica, il texano Michael Terron Daniel ha ucciso e divorato il cane di un suo inquilino, aggredendo i poliziotti accorsi e shoccati alla vista di una scena così assurda ed atroce…

E’ chiaro che la definizione di zombie è stata subito smentita e bandita dalle autorità americane, è solo un termine giornalistico per fare notizia, ma penso che appellare queste persone cannibali non sia meno sconvolgente.

Cosa sta succedendo a questo mondo? E’ solo il disfacimento del genere umano oppure il prezzo da pagare per il nostro essere diventati definitivamente mostri?

Francesco Amato

Leave a Reply

Your email address will not be published.