Il latte crudo va consumato solo cotto

Il latte crudo va consumato solo cotto

BOLOGNA,10 GENNAIO – E’ di certo il prologo di una storia che promette di essere assai più lunga da raccontare. Secondo una recente direttiva del ministero della salute, il latte crudo, cioè che non  ha subito processi di pastorizzazione dovrà essere consumato solo previa cottura.

Con cottura la direttiva intende una bollitura del prodotto effettuata dal consumatore finale della durata di almeno 10 minuti. Tale sarebbe il tempo necessario ad eliminare o attenuare la carica batterica potenzialmente pericolosa per la salute che si trova nel latte crudo, cioè appena munto ed imbottigliato.

Oggi, la distribuzione del latte crudo si effettua attraverso dei distributori automatici controllati dalle ASL per ciò che riguarda l’igiene e la correttezza dei dispositivi. Coinvolti nella distribuzione sono di solito piccoli produttori, che si servono del meccanismo della filiera corta per esercitare la loro attività.

L’animale da cui il latte viene munto viene naturalmente sterilizzato a livello mammario ogni volta che viene cambiato il capo su cui si opera, evidentemente parte dei batteri residui può rimanere nel latte.

Pastorizzando il prodotto vanno eliminati comunque non solo i batteri ma anche la maggior parte dei principi lattici vivi che rendono il latte crudo più gradevole dal punto di vista organolettico al latte industriale.

Nel latte pastorizzato industrialmente, la procedura viene reiterata più e più volte per garantire il massimo della sicurezza alimentare.

Aldilà della questione prettamente tecnica quindi si tratta di adoperare una scelta di vita e di abitudini, laddove si scelga di rischiare negli stili di consumo antiquati, lo si faccia quindi con consapevolezza.

Ricordiamo comunque per dovere di cronaca che tanti dei nostri parenti più vecchi o anziani hanno consumato latte crudo fin dalla più tenera età e per molti anni in seguito, crescendo lo stesso sani e certamente meno tonti delle generazioni che sono venute dopo.

Luca Brandetti

APPRFONDIMENTI  Cos'è il "bricolage dello smog" e perché può salvare Bologna

Leave a Reply

Your email address will not be published.