Preoccupazione nei mari per l’alga “Ostreopsis Ovata”

Preoccupazione nei mari per l’alga “Ostreopsis Ovata”

ROMA, 28 GIUGNO – Dopo la Liguria e il Lazio, l’alga tossica è arrivata anche in Sicilia, il contatto con l’alga tossica provoca diversi sintomi, tra cui nausea, arrossamento e anche stati febbrili nei casi più gravi.

Una quindicina di persone si sono recate ieri al pronto soccorso di Villa Sofia dopo aver fatto il bagno alla spiaggia dell’Arenella a Palermo. I medici, dai primi riscontri, non possono escludere che si tratti della cosiddetta alga tossica. I pazienti accusavano tutti una lieve febbre, gola arrossata e dolorante. Un’altra persona stamattina è giunta in ospedale con gli stessi sintomi. L’azienda ospedaliera ha inviato un rapporto all’istituto epidemiologico, intanto l’Arpa, agenzia regionale per l’Ambiente, ha confermato la presenza della “Ostreopsis ovata”, nelle acque di Aspra, frazione marinara di Bagheria, nel Palermitano. Il sindaco Biagio Sciortino ha dichiarato: “Per il momento penseremo ad un divieto di balneazione cautelativo consultandoci anche con la Asl. I malesseri del resto si manifestano quando soffia forte il vento e ci sono mareggiate, quindi occorre approfondire il problema e intanto cercheremo di fare una vera e propria campagna informativa per proteggere i bagnanti e quanti passeggiano nelle zone del litorale”.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Sergio Marino, dirigente generale dell’Arpa Sicilia ha dichiarato alla stampa che: “Periodicamente facciamo un monitoraggio della situazione. Nelle scorse settimane c’è stato un superamento dei limiti, la situazione più critica si è registrata nella zona di Trappeto, dove alcune persone si sono rivolte alla locale guardia medica accusando sintomi di intossicazione dopo avere fatto il bagno. Questi dati sono stati già segnalati alle aziende sanitarie locali”. Il fenomeno influenzato anche da particolari condizioni atmosferiche è comunque sotto controllo. “Con Legambiente l’estate prossima avvieremo una campagna di comunicazione e informazione mirata”. “La collaborazione – aggiunge il responsabile regionale Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna – riguarderà lo stato di salute del mare e bacini idrografici”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=R9UBqMLlV40[/youtube]

Maria Giuseppina Bauleo

Leave a Reply

Your email address will not be published.