Batterio Killer: 15 morti in Germania e uno in Svezia. Cetrioli sequestrati in Italia

Batterio Killer: 15 morti in Germania e uno in Svezia. Cetrioli sequestrati in Italia

ROMA, 31 MAGGIO – Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio rassicura: “Basta leggere la provenienza dei cetrioli. Quelli di provenienza italiana non comportano rischi, gli altri sono da lavare molto bene, anche se personalmente consiglio di lavare altrettanto bene ogni verdura”, dopo un incontro presso il ministero, sui rischi dell’epidemia del batterio E.coli, che sta mettendo in allarme l’Europa, dopo i dieci casi di morte verificatisi in Germania.  Quando i giornalisti gli domandano se e’ il caso di escludere ogni rischio, spiega il ministro della Salute: “la parola escludere l’ho eliminata dal mio vocabolario da circa tre anni. Dico che il batterio e’ in tutti noi, normale abitante della flora intestinale, questa e’ una variante. Non posso escludere che arrivi anche in Italia, ma posso dire che a seguito di lavaggi accurati, delle mani e del prodotto, le contaminazioni delle verdure sono esterne, si può escludere la trasmissione dalle verdure all’uomo”.

Sui controlli predisposti: “abbiamo sequestrato temporaneamente, per 24 al massimo 36 ore, 16 quintali di frutta, gli ultimi nove ieri. Sono prevalentemente cetrioli dell’Andalusia, che controlleremo. Ripeto mantenendo regole igieniche di un certo tipo, il batterio non può essere veicolato”.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Il dipartimento basco per la Sanità ha dichiarato che un quarantenne è stato ricoverato in gravi condizioni in un ospedale di San Sebastian, nei Paesi Baschi, dopo aver presentato i sintomi da infezione del batterio Escherichia Coli. L’uomo sarebbe rientrato il 20 maggio dalla Germania, il Paese più colpito finora da questo batterio killer che si trova forse nei cetrioli, ed è stato subito ricoverato in ospedale. Il batterio, che si teme sia partito proprio dalla Spagna, ha già provocato 15 morti in Germania e uno in Svezia. Nel Paese scandinavo una donna svedese è morta a causa della sindrome emolitico-uremica (Hus), una particolare complicanza derivante dall’infezione associata al batterio dell’escherichia coli. Lo riferiscono fonti ospedaliere. Si tratta del primo decesso del cosiddetto batterio killer al di fuori della Germania. Un altro caso grave potrebbe essersi verificato nella Repubblica Ceca, dove un uomo è sotto osservazione.

In Italia sono stati sequestrati «altri 9 quintali di cetrioli provenienti dalla Spagna in via preventiva, per consentire i controlli» e verificare l’eventuale presenza del batterio killer che ha ucciso 14 persone in Germania. Il comandante dei Nas Cosimo Piccinno ha assicurato che oltre ai 7 quintali sequestrati lunedì, quindi, altri nove sono sotto la lente dei Nas, per un totale di circa una tonnellata e mezzi di ortaggi, «su cui si avranno i primi risultati entro mercoledì».

[youtube width=”500″ height=”344″]http://www.youtube.com/watch?v=tGpRTZIx88A[/youtube]

Maria Giuseppina Bauleo

Leave a Reply

Your email address will not be published.