Trento, madre e figlia avvelenate dall’erba del diavolo

Trento, madre e figlia avvelenate dall’erba del diavolo

TRENTO, 15 MAGGIO – Ad Ala, in Trentino, una donna di 64 anni e la figlia  venticinquenne sono rimaste intossicate da piante allucinogene scambiate per banali spinaci. Le due sfortunate sono finite in ospedale dove hanno raccontato di aver raccolto le piante nel loro orto, dove avevano piantato i semi comprati in un centro commerciale.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

In realtà hanno finito con il mangiare stramonio, l’erba del diavolo, e hanno manifestato alterazioni della vista e vissuto stati di allucinazione fino all’arrivo al Centro Antiveleni di Padova, dove sono state disintossicate e poi dimesse. Lo stramonio ha effetti narcotici, sedativi e allucinogeni ed è impiegato dagli sciamani  indiani nei loro riti.

Sara Marini

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.