ALBA ADRIATICA, RISSA DAVANTI AL BLACK OUT: ARRESTATI I TRE ROM RESPONSABILI DELLA MORTE DI EMANUELE FADANI.

ALBA ADRIATICA, RISSA DAVANTI AL BLACK OUT: ARRESTATI I TRE ROM RESPONSABILI DELLA MORTE DI EMANUELE FADANI.

TERAMO, 11 NOV. – La procura di Teramo ha emesso tre provvedimenti di fermo per concorso in omicidio volontario, nell’ambito delle indagini per l’uccisione di Emanuele Fadani, il commerciante di 37 anni (e non 30) di Alba Adriatica, aggredito e ucciso la notte scorsa durante una rissa. Due provvedimenti – nei confronti di cugini – sono già stati eseguiti; la terza persona viene ricercata.

Uno dei fermati è lo zio di uno dei minorenni arrestati per l’omicidio di un cameriere di 23 anni, Antonio De Meo, aggredito il 9 agosto scorso a Martinsicuro (Teramo).

I due zingari si trovano attualmente in stato di fermo di polizia giudiziaria e saranno interrogati nella caserma dei carabinieri di Alba Adriatica, dal sostituto procuratore Roberta D’Avolio. Lo stesso magistrato ha già affidato all’anatomo-patologo Cristian D’Ovidio l’incarico di eseguire l’esame autoptico sulla salma di Emanuele Fadani.

Secondo una prima ricostruzione, nella notte i tre zingari, che facevano parte di un gruppo di 5, in evidente stato di ubriachezza – come hanno riferito da alcuni testimoni – avrebbero aggredito per futili motivi il commerciante all’esterno del locale «Black out»: nel corso della lite i tre hanno colpito con calci e pugni la vittima, nonostante il tentativo di separare i contendenti fatto da un passante. Quest’ultimo, che ha riportato ferite giudicate guaribili in pochi giorni dai sanitari dell’ospedale, è uno dei testimoni più importanti del delitto.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.