Steve Bannon, stratega di Trump e guru dei sovranisti mondiali, ha rubato 25 milioni ai suoi sostenitori

steve bannon

Steve Bannon arrestato. Era il guru del sovranismo internazionale, ora rischia di passare buona parte del resto della sua vita in galera. Steve Bannon, 66 anni, stratega di Trump, è stato arrestato ieri a bordo dello yacht di 45 metri del miliardario cinese Guo Wengui. L’accusa? Frode. Bannon avrebbe usato finanziamenti alla sua campagna sulla costruzione del muro tra USA e Messico per scopi puramente personali. Una cifra non da poco: ben 25 milioni di dollari. Curioso che Bannon abbia truffato di fatto i suoi sostenitori e finanziatori. Come? Con una raccolta fondi lanciata online di cui ha usato per scopi personali una buona parte.

STEVE BANNON, ARRESTATO LO STRATEGA DI TRUMP

Arrestato, l’hanno rilasciato questa mattina su cauzione. Sorriso smagliante, poi coperto dalla mascherina, abbronzatura e la sicurezza di non essere colpevole. Una manovra – secondo la sua versione – di chi vuole ostacolare la costruzione del muro al confine tra Messico e USA. Una calma apparente: sa, lo stratega di Trump, di rischiare oltre 40 anni di galera. Le accuse nei suoi confronti sono forti e salde, così come quelle contro Guo Wengui. Pechino ne richiede l’estradizione per frode, lui si difende come dissidente politico. Una delle sue compagnie ha versato 1 milione di dollari a Bannon. Il muro era uno degli slogan principali della campagna di Trump nel 2016: come può essere influenzata ora in negativo la sua prossima corsa alla presidenza? Chissà, intanto gli arriva una bordata da Michelle Obama: “Non è il presidente giusto”. 

Il nome di Bannon, sottolineiamo, è legato anche all’Italia. In una sua visita nel Belpaese datata 2019, incontrò ed elogiò i leader del sovranismo tricolore, Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Bannon è stato per anni uno dei guru dell’ultradestra mondiale. Il suo obiettivo è stato quello di fondare The Movement, un ponte di collegamento tra i sovranisti del vecchio e del nuovo continente. Un piano che ora verrà accantonato, così come il sostegno a Trump nel prossimo election day contro Biden. L’ex stratega della Casa Bianca ora deve difendersi da accuse molto pesanti: in palio ci sono ben quarant’anni della sua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.