Lo sliding doors del Covid-19

Barcellona, 25 Marzo. Dopo oltre due settimana di clausura, una nuova routine è entrata a far parte della nostra vita. Smart working, creatività culinaria e fitness online, si sono affiancate ad altre attività già presenti prima del lockdown, in particolare le overdosi di HBO e Netflix.

Tuttavia, alle nuove certezze iniziano a contrapporsi dubbi sulle origini di una pandemia capace di ibernare oltre 3 miliardi di persone. La notizia del Supervirus creato in laboratorio nel 2015 da un gruppo di ricercatori cinesi, è stata prontamente smentita da diversi esperti del settore, in primis da uno studio compiuto dal gruppo di ricerca statunitense Scripps Research Institut e, in secondo luogo, da uno studio sistematico delle sequenze genetiche di SARS-CoV-2 pubblicato da Nature Medicine 2020.

Entrambi gli studi sostengono l’origine naturale e zoonotica del virus, pertanto sembrano smontare tutti i dubbi insorti tra la opinione pubblica dopo la riesumazione del servizio mandato in onda dal Tg Leonardo nel 2015.

Le coincidenze sui potenziali protagonisti della pandemia sono inquietanti:  proteina presa dai pipistrelli sul virus della Sars, polmonite acuta e diffusione pandemica nella società. Le differenze sono esclusivamente la sequenza genomica e il processo che avrebbe originato il virus tramite il consumo di pipistrelli, dati considerati inconfutabili dai massimi esperti in virologia.

Il quadro generale fa riflettere, in quanto alimenta la teoria del complotto per giustificare una piaga senza precedenti nel nuovo millennio. A tal proposito, sarebbe utile che i giornalisti del Tgr Leonardo iniziassero ad indagare a fondo sul team che aveva effettuato la ricerca sul Supervirus, sulla localizzazione del laboratorio e di spingere verso un’analisi comparativa del virus di laboratorio con il virus catalogato nella zona zero del Covid-19, ovvero Wuhan.

A livello di comunicazione trovo da dilettanti alla sbaraglio lanciare delle bombe mediatiche e successivamente smentirle con articoli brevi, qualche virgolettato e scarne informazioni.

L’eccezionalità degli eventi richiede responsabilità e trasparenza, in quanto non stiamo parlando di una semplice influenza, ma di un virus che ha mandato in tilt l’intero sistema e che sta cancellando la memoria storica del nostro passato recente.

Massimiliano Riverso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.