GP D’AUSTRALIA, LUCI E OMBRE IN CASA FERRARI: LE INTERVISTE AI PROTAGONISTI DELLA GARA

GP D’AUSTRALIA, LUCI E OMBRE IN CASA FERRARI: LE INTERVISTE AI PROTAGONISTI DELLA GARA

Fernando Alonso e Felipe Massa nel post garaMELBOURNE, 28 MAR. – Button ha vinto il Gp d’Australia. Il campione del monda in carico torna sul trono al termine di una gara segnata dalla pioggia, sconfiggendo le velleità della Renault di Kubica e del rinato Felipe Massa. In casa Ferrari c’è ottimismo nonostante la discutibile strategia adotta durante la gara da Demenicali.

Sorride intanto Fernando Alonso: ”Abbiamo conquistato tanti punti ed e’ stata una gara interessante, non si parlera’ di un Gp noioso”. Il pilota spagnolo della Ferrari ha chiuso ai piedi del podio una gara complicata, iniziata con un testa-coda alla prima curva. ”Peccato per l’incidente in partenza, mi sono ritrovato indietro”, dice l’asturiano analizzando ai microfoni della Rai il contatto con la McLaren-Mercedes di Jenson Button e con la Mercedes Gp di Michael Schumacher. ”Dopo l’incidente e’ stato tutto perfetto, anche la strategia si e’ rivelata azzeccata”, dice facendo riferimento alla decisione di effettuare solo un pitstop. ”Ad un certo punto ero settimo, poi sono diventato quarto: e’ andata bene. E’ stata una prestazione molto solida, abbiamo recuperato terreno e alla fine abbiamo guadagnato punti su tutti i nostri rivali”, conclude pensando alle classifiche. Alonso e’ leader tra i piloti con 37 punti, la Ferrari conduce tra i costruttori a quota 70.

Soddisfatto Felipe Massa per il terzo posto ottenuto. ”Non credo di aver mai fatto tanti punti all’inizio della stagione”. Il pilota brasiliano della Ferrari ha conquistato il secondo podio stagionale dopo la piazza d’onore nel Gp del Bahrain di due settimane fa. I 33 punti in classifica valgono la seconda posizione alle spalle del compagno Fernando Alonso, leader a quota 37. ”Prima di oggi, il mio miglior risultato in Australia era un sesto posto. Questa non e’ stata la gara migliore per me, ma il terzo posto e’ fantastico. Sono partito bene, guadagnando 3 posizioni. Poi ho perso terreno dopo il pitstop, anche per qualche errore che ho commesso”, aggiunge analizzando la prestazione. ”L’avvio del Mondiale e’ comunque estremamente positivo. Sappiamo quanto sia importante fare punti. In passato non ne ho mai raccolti tanti in avvio come sta succedendo quest’anno”, dice il verdeoro.

Il nuovo Michael Schumacher deve accontentarsi delle briciole. Almeno per ora. ”E’ stato bello prendere un punto”. Il 41enne pilota della Mercedes Gp ha chiuso al decimo posto. Per evitare di restare a mani vuote, si e’ dovuto impegnare fino alla fine per superare la Toro Rosso del 21enne spagnolo Jaime Alguersuari, che potrebbe tranquillamente essere suo figlio.

Nelle due gare della seconda carriera, cominciata con la sesta piazza nel Gp del Bahrain, Schumi non si e’ mai avvicinato al podio. A Melbourne, in realta’, gli alibi non mancano. ”Avrei potuto disputare una buona gara -dice il sette volte campione del mondo- a purtroppo sono stato colpito subito dopo la partenza”. La sua freccia d’argento e’ stata coinvolta nell’incidente avvenuto tra la McLaren-Mercedes di Jenson Button e la Ferrari di Fernando Alonso. Schumi, toccato duro dalla rossa, e’ dovuto rientrare ai box per sostituire il muso. ”Ovviamente, quell’incidente ha deciso il mio Gp. Sono cose che capitano, in questi casi bisogna solo dire ‘le corse sono cosi”’.

Redazione Online

Leave a Reply

Your email address will not be published.