Super Palermo al Barbera: travolta la Lazio

Super Palermo al Barbera: travolta la Lazio

PALERMO, 20 FEBBRAIO – Allo stadio Renzo Barbera il miglior Palermo della stagione umilia con il punteggio di 5-1 la Lazio grazie alle reti di Barreto, Budan, Donati , Silvestre e Miccoli, per i biancocelesti gol della bandiera di Kozak, nel finale espulsi Dias e Reja.

Mutti conferma quasi in toto la formazione uscita sconfitta a Cagliari, con l’eccezione del rientrante Miccoli in coppia con Budan in attacco. Reja schiera un 3-5-2 con piena emergenza difensiva, linea a tre formata da Zauri, Ledesma e Dias; Heranes è spostato sulla linea di centrocampo, in attacco debutta da titolare Alfaro.

Nel primo tempo l’improvvisata difesa laziale fa acqua da tutte le parti: il primo a colpire è Edgar Barreto, l’ex Atalanta, indovina il colpo all’angolino dal limite dell’area, primo centro in rosanero per lui. E’ poi la volta di Donati che si inventa una parabola imprendibile per Marchetti dai 25 metri. A chiudere, con la ciliegina sulla torta, una perfetta prima frazione di gioco degli uomini di Mutti ci pensa infine la stoccata di testa dell’argentino Silvestre.

Lazio sotto già per 3-0 dopo i primi 45’ di gioco e  la ripresa non andrà meglio.

Pronti via e la retroguardia laziale sbaglia un fuorigioco spalancando la via del gol a Igor Budan che costringe l’estremo difensore biancoceleste a piegarsi a raccogliere la sfera in fondo al sacco per la quarta volta. Nuova dormita dei difensori capitolini sul quinto gol, con il suggerimento di Ilicic che trova Miccoli colpevolmente solo in mezzo all’area: per il capitano rosanero è un gioco da ragazzi mettere dentro il pokerissimo che gli permette di festeggiare adeguatamente il suo rientro in campo. Il resto del secondo tempo non regala spunti, con i padroni di casa che vanno più volte vicini al sesto gol. Nel finale ai laziali saltano i nervi e nel giro di pochi minuti prima Dias e poi l’allnatore Edy Reja, guadagnano anzitempo la via degli spogliatoi. C’è tempo ancora per il gol della bandiera di Kozak, che non aiuta però certo a rendere meno amara la batosta per la squadra della capitale.

Con questi tre punti il Palermo sale a quota 34 punti, rilanciando le proprie quotazioni in chiave europea, se i rosanero si comportassero in trasferta allo stesso modo di come fanno tra le mura amiche, la classifica per la squadra di Zamparini sarebbe di ben’altro calibro. La Lazio invece ottiene la seconda sconfitta consecutiva dopo quella in settimana con l’Atletico, e mantiene il terzo posto in graduatoria solo in virtù del mezzo passo falso dell’Udinese, fermato in casa dal Cagliari. Per i ragazzi di Reja sarà molto il lavoro da fare in vista del ritorno di coppa al Vicente Calderòn.

Marco Bertaghin

Leave a Reply

Your email address will not be published.