F1, Webber si candida per la pole a Valencia

F1, Webber si candida per la pole a Valencia

VALENCIA, 24 Giugno – La Formula 1 sbarca a Valencia per tre giorni di pura velocità sul circuito cittadino sede del Gran Premio d’Europa. La prima sessione di libere disputata in mattinata ha visto un Mark Webber scatenato, con un tempo di 1’40’’403. Le sue quotazioni sembrano adesso in netta crescita, dopo le ultime uscite un tantino deludenti per il pilota australiano, sempre surclassato dal tedeschino campione del mondo, suo compagno di squadra. Buon piazzamento per la Renault del pilota russo Vitaly Petrov, che si è però beccato ben 824 millesimi di distacco dalla Red Bull di Webber. Il nostro Fernando Alonso non riesce ad andare oltre il terzo tempo con 12 millesimi di scarto dal russo, pupillo di Flavio Briatore. A più di 1 secondo, la McLaren di Lewis Hamilton e poi la seconda Renault di Nick Heidefeld. L’altro ferrarista, Felipe Massa, naviga al sesto posto, ma il suo distacco dal primo della classe ammonta a più di 1 secondo e 3 decimi.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay][ad#Aruba PopUnder]

Ma che fine ha fatto Sebastian Vettel? Il tedeschino si è concesso una pausa di riflessione, dato che la sua monoposto non era al meglio e gli stessi tecnici della scuderia del toro con le ali hanno ammesso le loro colpe. Problemi al KERS, a quanto pare. Vettel chiude in sedicesima posizione, a ben 2 secondi e mezzo dal compagno di squadra, che ormai tutti davano per bollito. In realtà Webber, dati i presupposti, su questa pista potrebbe tornare sul gradino più alto del podio.

Il vincitore del rocambolesco Gran Premio del Canada, Jenson Button è settimo, dietro Felipe Massa. La Top Ten si chiude con l’ottima prova della Force India di Adrian Sutil, ottavo, Nico Rosberg e Jaime Algersuari.

Mark Webber, dunque, ha svolto il suo compitino con ordine ed è stato premiato con un buon voto, un 8, da poter esibire davanti ai tifosi del compagno di squadra. Tocca a lui, stavolta, il ruolo di “ammazzaprove” sinora svolto da Vettel con grande continuità.

Enrico Francesco Ortisi

Leave a Reply

Your email address will not be published.