Calciomercato Juventus: Aguero resta il sogno, ma spunta Higuain

Calciomercato Juventus: Aguero resta il sogno, ma spunta Higuain

TORINO, 3 giugno – Non è un mistero, la Juve è alla ricerca di un bomber. Non una punta qualunque: niente giovani scommesse nè vecchi marpioni d’area di rigore, magari alla ricerca dell’ultimo ricco contratto in carriera.

C’è bisogno di un innesto di qualità tecniche rimarchevoli, nella rosa bianconera, carisma, talento, che abbia fame di vittorie e che restituisca, perchè no, un rinnovato appeal commerciale dopo i lunghi anni di limbo post-Calciopoli.

[ad#Google Adsense 300 X 250][ad#Juice Overlay]

Antonio Conte, il figliol prodigo salentino fresco di nomina come tecnico designato dell’ennesima rifondazione tattica bianconera, ha avuto modo di confrontarsi più volte sui temi di mercato ai piani alti di corso Galileo Ferraris.

Tante le ipotesi avanzate, nel mare magno di attaccanti segnalati da procuratori ed osservatori vari, poche le candidature in grado di mettere d’accordo tutti: tecnico e dirigenza, Conte e Marotta, con la benedizione di patron Agnelli.

Della candidatura di Sergio Aguero si sa tutto, o quasi. Il giovane talento di Quilmes è da tempo sul taccuino degli uomini mercato bianconeri. Ma gli sforzi diplomatici di Beppe Marotta non hanno sortito gli effetti sperati: il presidente dell’Atletico Madrid, Cerezo, rimane fermo sulle posizioni di partenza; Aguero lascerà la maglia biancorossa, ma solo ed esclusivamente versando nelle casse della società madrilena i 45 milioni di euro della clausola rescissoria.

Niente sconti, dunque, niente “usato sicuro” in permuta; Cerezo ha fatto sapere di non avere alcuna intenzione di riscattare il portoghese Tiago, in prestito ai “colchineros” durante la stagione appena conclusa.

Ma i 45 milioni necessari a svincolare “el Kun” potrebbero rappresentare la base d’asta per un derby di mercato fra le regine della Liga: Barcellona eReal Madrid. Il “clasico” iberico per eccellenza, dominato sul campo dagli azulgrana catalani nelle ultime stagioni, rimodulato in chiave calciomercato. E la mente torna ad antichi “sgarbi” fra i due club, ai passaggi chiacchieratissimi, di Figo e Luis Enrique da una grande di Spagna all’altra.

E la Juve? Marotta sa bene che l’eventuale arrivo di Sergio Aguero in maglia Real creerebbe non pochi imbarazzi allo Special One, Jose Mourinho, chiamato ad interpretare il doppio ruolo di allenatore e direttore tecnico madridista, dopo aver ottenuto il siluramento dell’odiato Jorge Valdano, ex braccio destro del presidente Perez. Aguero, Higuain, Ronaldo, Benzema, il probabile riscatto di Adebayor dal Manchester City: problemi d’abbondanza in attacco per mister Josè; troppi nomi importanti, personalità ingombranti, calciatori-azienda con le rispettive appendici di munifici sponsor da soddisfare, campioni molto poco propensi ad assecondare la ragion di stato, le esigenze di turnover.

Aria di esuberi, dunque, di mercato in uscita. E i nomi che farebbero al caso di Antonio Conte sono due: ci sarebbe il “solito” Benzema, in predicato di vestire la maglia bianconera fin dai tempi di Lione, talento incompiuto, fuori dalle grazie dello Special One; ma il nome nuovo è senz’altro quello,altisonante, di Gonzalo Higuain, bomber implacabile portato in camiseta blanca col placet di don Fabio Capello ed ormai stella di prima grandezza del firmamento calcistico internazionale. In Sudafrica, Diego Armando Maradona gli affidà i gradi da titolare, preferendolo al genero Aguero e al nerazzurro Diego Milito.

Un grave infortunio alla schiena l’ha costretto allo stop prolungato nel corso dell’ultima stagione, alimentando dubbi e perplessità sui tempi del pieno recupero, nonostante la stima incondizionata di Josè Mourinho.

“El Pipita” potrebbe così rientrare in un vortice di mercato che avrebbe del clamoroso. E se Marotta ha tutte le intenzioni di portare Higuain in bianconero, Josè Mourinho ha fatto il nome di Felipe Melo come possibile contropartita; il possente centrocampista carioca vanta estimatori un pò in tutta Europa, da Arsene Wenger a Rafa Benitez, che un anno fa, di questi tempi, aveva inserito il nome del mediano bianconero nella lista della spesa presentata a Moratti.

Melo e Higuain, nomi caldi, nomi che contano, nomi che spostao gli equilibri. Questo primo assaggio di calciomercato si apre all’insegna delle “grandi firme”.

Domenico Damiani

[ad#Aruba PopUnder][ad#HTML]

Leave a Reply

Your email address will not be published.