Bologna FC: niente sconti, tolti altri 2 punti

Bologna FC: niente sconti, tolti altri 2 punti

BOLOGNA, 14 GENNAIO – Si dice che la speranza sia sempre l’ultima a morire e anche ieri i tifosi del Bologna hanno sperato di ricevere buone notizie dai vertici della  giustizia sportiva. Niente da fare, tolti altri 2 punti. A non far disperare più di tanto è la sensazione che questa squadra un meno 3 lo riesca a sopportare (se questa penalizzazione fosse arrivata nelle annate precedenti si poteva già pensare a chi comprare per il campionato di B) anche se oggi la classifica tiene in pre-allarme i rossoblù: 4 punti dalla zona retrocessione e davanti sfide importanti con Inter, Lazio, Roma e Udinese. I giochi sono ancora apertissimi.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice Overlay][ad#Juice PopUnder2][ad#Cpx Popunder]

Il Bologna dovrà provarci con tutte, proprio come a fatto fino ad oggi, credendoci fino all’ultimo minuto, perchè solo in questo modo si fanno punti pesanti e ci si toglie qualche soddisfazione. La prima giornata del girone di ritorno presenta subito una sfida interessante per i ragazzi di Malesani, ovvero l’Inter a San Siro. Sulla squadra nerazzurra inutile spendere troppe parole, i risultati parlano da soli. Campioni un po’ di tutto quello che si poteva vincere durante l’anno appena passato; ma forse questo è il momento giusto per provarci. Leonardo ha dato una ventata d’aria fresca ad un ambiente saturo dei diktat di Benitez, ma l’allenatore ex Milan non ha la bacchetta magica: dopo aver vinto tutto e senza cambiare nulla in estate, questa squadra sta subendo un calo evidente, per ora mascherato dalle 3 vittorie consecutive in campionato, facendo 8 gol, ma subendone ben 4. Insomma, della corazzata degli anni passati non è rimasto molto.

Ecco perchè il Bologna ci deve credere. Se la squadra ripeterà la partita disputata a Bari sarà lecito sognare. Certo, i pugliesi non sono allo stesso livello, ma il Bologna è piaciuto, a preso in mano le redini della partita dall’inizio alla fine, rischiando poco e creando occasioni a ripetizione. A Milano bisogna giocare per segnare, le barricate difensive non servono a nulla. Poi se il campo si dimostrerà avverso ai rossoblù pazienza, non è con l’Inter che ci si devono guadagnare i punti salvezza.

Leonardo Millarte

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.