NBA ACTION | Super Bargnani trascina Toronto. Bene New York, cade ancora New Orleans

NBA ACTION | Super Bargnani trascina Toronto. Bene New York, cade ancora New Orleans

[ad#Juice 120 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

NEW YORK, 26 NOV. – I Raptors risalgono posizioni ad East spinti da Andrea Bargnani, sempre più leader della franchigia canadese. L’italiano piazza 24 punti (oltre 5 rimbalzi e 3 stoppate) ed è il più prolifico dell’incontro, confermando un inizio di stagione entusiasmante con 22 punti di media. Poco spazio per il neo acquisto Stojakovic, in rotta con New Orleans, comunque 7 punti nei 6 minuti concessi, mentre l’altro acquisto Bayless è decisivo con i suoi tiri dalla distanza(13 punti per lui).Buona prova per il play Calderon con 16 punti e 9 assist, mentre Evans garantisce solidità sotto canestro, ben 22 rimbalzi e 12 punti. Philadelphia si conferma squadra con parecchie lacune, si vede Iguodala e poco altro.

Toronto-Phiiladelphia:106-90

Bene New York impegnata a casa dei Bobcats. Gallinari non regala una prestazione indimenticabile(2-9 al tiro) ma piazza comunque punti in momenti critici del match, 9 punti per lui, ed errore fatale dalla lunetta, che interrompe la striscia di 43 tiri liberi consecutivi. Bene il solito Stoudemire, fa 20 punti e sotto canestro piazza 6 stoppate. Chandler dalla panchina mette 21 punti,con un paio di belle schiacciate. Ottimo il play Felton, 13 assist, e 23 punti, si rivela un acquisto estivo indovinato per D’antoni. Gara decisa al quarto periodo, Charlotte rimane in gara grazie alla buona prova di Thomas(26 punti), mentre Jackson forza parecchi tiri nel finale,delude invece Wallace,solo 8 punti per lui.

New York-Charlotte:99-95

Dopo un inizio strepitoso di season New Orleans frena ancora, seconda sconfitta di fila per il team Belinelli. Gli Hornets dopo il prima quarto si arrendono all’ottima vena dei Jazz. L’italiano non brilla come altre sere, 10 punti e poche conclusioni nei 28 minuti giocati. I riflettori erano puntati sul duello tra  play Paul-Williams, tra i più forti al mondo, vinto decisamente dalla stella di Utah che mette a referto 26 punti e 11 assist. New Orleans  è apparsa stanca, forse risente la mancanza di una rotazione del quintetto, il neo acquisto Jack dai Raptors si vede poco. Ariza non è in serata, mentre Okafor si vede più in fase difensiva. Buona la prova tra i Jazz di Jefferson(23 punti) e Millsap(17 pt).

New Orelans-Utah:87-105

La gara più interessante della serata era tra Orlando e Miami, che voleva dimenticare la brutta figura contro i Pacers. Miami invece perde ancora, confermando i limiti di una squadra poco assortita. Bene il solito James,non stellare ma tiene la squadra con i suoi 25 punti. Bosh con problemi alla schiena durante il match da il suo contributo, 21 punti per lui.  Sempre irriconoscibile Wade, 18 punti, ma con un terribile 6-21 al tiro che la dice lunga sul suo stato di forma. I Magic si aggrappano al solito Howard, 24 punti e 18 rimbalzi; Assente Carter per infortunio punti decisivi arrivano dalla guardia Redick,20 punti e grande intensità per l’ex di Duke. Ottima prova anche per l’ex Dallas Bass, dalla panchina garantisce 18 punti importanti.

Orlando-Miami:104-95

Tra le altre gare della serata importante vittoria di Dallas contro Oklahoma City, si rivede un grande Nowitzky(34 pt), mentre Durant ne mette 32.  Torna a vincere Houston, dopo buone prove ma senza risultati. Battuti i Warriors grazie alla buona gara di Scola e Martin.

Sono 12 le vittorie consecutive di San Antonio, travolti anche i Timberwolves di Love. Ginobili tra i texani fa 26 punti,Parker 18.  Buona gara per Milicic e Love di Minnesota, 54 punti in due.

Vince Chicago contro Phoenix dopo 2 overtime. Bene per i Bulls Rose,35 punti ,ed anche Deng (26 pt), e si rivedefinalmente un buon  Korver (24 punti).

Vlady La Greca

Leave a Reply

Your email address will not be published.