NBA: Serata magica per gli italiani. Azzurri tutti decisivi nelle vittorie

NBA: Serata magica per gli italiani. Azzurri tutti decisivi nelle vittorie

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

BOLOGNA, 18 NOV. – Adesso nessuno può chiamarli sorprese, talenti inespressi o addirittura meteore, perché gli italiani della NBA, mai forse come oggi, sono indispensabili nei loro team e ne decidono spesso le sorti. Bargnani infila 30 punti (ennesima volta top scorer) e porta i Raptors al successo, con una prestazione da vero leader che prende la squadra per mano nei momenti più critici del match. Una stoppata e 7 rimbalzi per il Mago che regala la terza vittoria ai canadesi(3-10) contro Philadephia (2-10) in uno scontro tra outsider. Da segnalare la varietà dei canestri di Bargnani, che prova sempre meno il tiro da 3, ma va più spesso a schiacciare, e prende tiri dal pitturato da centro puro.

Toronto-Philadelphia: 94-86

Alla Arco Arena di Sacramento ieri sera erano di scena i Knicks di Gallinari. L’italiano è top scorer del match, insieme a Stoudemire, con 27 punti, ed è l’uomo che resta di più nel parquet(41:15),segnale di grande fiducia da coach D’antoni.  Forza poche conclusioni, penetra tantissimo, ed infatti si prende 16 punti dalla lunetta, e piazza 3 bombe dalla distanza, e questo lo rende difficilmente marcabile dagli avversari. Al tabellino anche 4 rimbalzi, ottima prova per il Gallo, ormai entrato negli automatismi del gruppo.

New York-Sacramento 113-106

Vittoria anche per i New Orleans in una sofferta gara contro Dallas. Gli Hornets si confermano la franchigia più in forma della lega, con 9 vittorie ed una sconfitta. Belinelli nella rotazione del quintetto ha ormai scansato la blasonata guardia Stojakovic (solo 17 minuti per lui, contro i 31 dell’italiano) e gode ottima fiducia dal play Paul che lo serve spesso. Saranno 17 i punti per lui a fine gara, con 3 tiri da tre, due dei quali nel finale quando la partita era punto a punto, responsabilità e coraggio da vendere per un punto fermo di questa squadra che non ha una panchina lunga,ma si affida spesso ai veterani.

New Orleans-Dallas: 99-97

Vlady La Greca
[ad#Aruba Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.