Il Milan perde Inzaghi. Addio al calcio?

Il Milan perde Inzaghi. Addio al calcio?

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

MILANO, 12 NOV.Il Milan è primo in classifica. Dopo due anni di passione, in cui ha potuto solo stare a guardare l’ Inter che vinceva tutto, il Milan torna a far sognare la sponda rossonera di Milano.

Lo fa col bel gioco, con l’esperienza dei vecchi e la voglia dei nuovi.

I nuovi sono quegli attaccanti che a inizio stagione si pensava non potessero giocare assieme, tutti pensavano: ma fra Pato, Ibra, Dinho e Robinho chi torna a dare una mano a centrocampo? Allegri ha capito non solo che non possono giocare assieme, ma anche che tra tutti i nuovi acquisti c’era pure un attaccante su cui ormai si credeva poco, ma che come al solito ha dimostrato il suo valore sul campo.

Superpippo ha cominciato questa stagione alla grande, partendo sempre come riserva, giocando poco, ma risolvendo le partite come solo l’uomo del destino sa fare.

Il suo infortunio è una brutta tegola per il Milan e per Allegri che ormai ci faceva affidamento come il salvatore della patria. Quando vuoi vincere e a venti minuti dalla fine non sai che fare metti Pippo, è ovvio.

Ieri Inzaghi si è infortunato, all’inizio si sperava non fosse niente di grave, come per Pato, ma oggi le visite mediche hanno dato brutte notizie: rotture del legamento crociato del ginocchio sinistro e del menisco esterno. Stagione finita, il Milan non ha più il suo asso nella manica, da tirar fuori come quando perdi in casa col Real e non sai a che santo rivolgerti.

Lui, Superpippo, però ci crede, sa di dover star fuori sei mesi, e che alla sua età non è facile tornare, ma promette che ce la metterà tutta, per se stesso e per i tifosi e che l’anno prossimo sarà di nuovo lì, ad esultare sotto la curva per un gol in Champions che farà esplodere San Siro.

Marco Valerio Loi | BNSport

[ad#Simply Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.