Oscar: trionfa The Artist, un film che fa rivivere l’era del muto

Oscar: trionfa The Artist, un film che fa rivivere l’era del muto

LOS ANGELES, 27 FEBBRAIO – The Artist, un film che parla di cinema e che fa rivivere l’era del muto, su schermo ridotto nel completo rispetto dei canoni dell’epoca, ha trionfato alla ottantaquattresima edizione degli Oscar, aggiudicandosi ben cinque statuette, tra cui quella per il miglior film.

Un trionfo annunciato per la pellicola francese, muta e in bianco e nero, arrivata come favorita, e che ha vinto nelle categorie costumi, colonna sonora originale, migliore film, migliore regista, Michel Hazanavicius e migliore attore protagonista, Jean Dujardin, il primo attore francese a essere insignito del riconoscimento, che batte così i più noti Pitt e Clooney. Era dal 1929 che un Oscar non andava a un film muto. The Artist aveva già ricevuto diversi riconoscimenti dai Bafta, gli Oscar europei ai Golden Globe, i premi della stampa estera.

Cinque Oscar, anche se più tecnici e, in un certo senso, di minore rilievo, sono stati assegnati a Hugo Cabret, il visionario omaggio al cinema di Melier, di Martin Scorsese, che ha vinto per la migliore fotografia, il mixaggio dei suoni, gli effetti speciali e, piccola soddisfazione per l’Italia dopo l’esclusione di Terraferma, il premio per la migliore scenografia, andato alla coppia Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, nelle vesti di production designer e set decorator.

Come miglior film straniero è stato scelto l’iraniano La Separazione di Ashgar Farhadi, gia’ vincitore del Golden Globe. Scelta coraggiosa quella dei membri dell’Academy che, nell’attuale clima di tensione tra religioni e civiltà, hanno dimostrato di voler far prevalere l’arte sulla politica.

Miglior sceneggiatura originale quella di Midnight in Paris di Woody Allen. Paradiso amaro di Alexander Payne è stato premiato per la miglior sceneggiatura non originale, ma non per il protagonista Clooney.

Meryl Streep, alla diciassettesima nomination e al terzo Oscar, e’ stata premiata per la sua interpretazione da protagonista in The Iron Lady, nei panni di Margaret Thatcher. La Migliore attrice non protagonista è stata Octavia Spencer, per il suo ruolo in The Help, mentre Christopher Plummer, 82 anni, ha vinto come migliore attore non protagonista per il suo ruolo in The Beginner.  Infine sono stati premiati come migliore film d’animazione Rango, e migliore documentario Undefeated.

Alessandra Massagrande

Leave a Reply

Your email address will not be published.