Voglio di gelato, i 10 gusti più trend del momento

Con l'arrivo della primavera e della bella stagione il gelato entra nella dieta degli italiani. D'altronde è proprio l'Italia che detiene il primato mondiale di consumi: ogni anno ne mangiano 12 chili a testa e la scorsa stagione le vendite sono salite dell'8%.

Voglio di gelato, i 10 gusti più trend del momento

Partendo dalle origini della propria terra, la Sicilia, nelle boutique Tasta lo chef glacier Peppe Flamingo, 33 anni e terza generazione di esperienza nel settore, ha realizzato dei gusti che mettono in risalto tutti gli ingredienti della Trinacria, un’isola dove si trovano delle materie prime di altissima qualità, uniche in tutta Italia.

Si parte dalla Liccumia: cioccolato di Modica, mandorla di Avola, cannella, vaniglia e scorza di limone. Liccumia si rifà a un dolce tipico del regno delle Due Sicilie, la mpanatigghia, biscotti ripieni impanati, a forma di semiluna degli stessi ingredienti che si trovano nel gelato, con l’aggiunta della carne di manzo. Il gusto ha vinto il terzo premio del concorso internazionale sul gelato artigianale Sherbeth Festival 2016.

Come una donna elegante la liccumia lascia spazio al più esuberante Signor Calacauso, dai gusti decisi: arachidi, dulce de leche e cioccolato al latte; il nome riprende il dialetto siciliano secondo cui i “calacausi”, le arachidi, darebbero la controindicazione di “calare i pantaloni” se consumate in modo eccessivo, i “causi” appunto.

I 10 gusti gelato della primavera proposti da Peppe Flamingo

Peppe Flamingo, 33 anni e terza generazione di esperienza nel settore

 

Non poteva mancare il gusto Cannolo Siciliano: ricotta di pecora con zucchero di canna grezzo, ottimo da consumare da solo, all’interno della “brioscia col tuppo”, la classica briosche siciliana rotonda, o all’interno dei cannoli, per un gusto più fresco e delicato. Il gelato è sempre servito con la cialda del cannolo come decorazione e il must è un tocco di cannella, per un gusto leggermente speziato.

Si passa al Tastamisù: una rilettura del classico tiramisù, alla cui base troviamo mascarpone fresco e tuorlo d’uovo, arricchito con pan di Spagna senza glutine al cacao inzuppato al caffè.

Immancabili i presidi slowfood che danno un sapore diverso a due gusti “classici”: la fragolina di Ribera, con le tipiche fragole siciliane che vengono raccolte solo dalle mani delicate ed esperte delle donne siciliane, il limone femminello, tipico del siracusano o il mandarino tardivo di Ciaculli.

Chiaramente imperdibili i gusti Pistacchio di Bronte DOP realizzato direttamente con i pistacchi grezzi, a cui si dona un leggero gusto tostato e si è scelto di lasciare dei pezzetti, tagliati grossolanamente che caratterizzano il gusto e il Cioccolato di Modica, realizzato da una produzione artigianale di cioccolato locale e speziato con cannella e peperoncino.

Il gusto che, invece, si adatta a tutti è la Nocciola Zero: solo pasta di nocciola (in questo caso dal Piemonte perché ritenuta la migliore in commercio), realizzata senza latte, senza saccarosio ma con il fruttosio, assolutamente gluten free e con la sola farina di carrube naturale, come per tutti i gusti, come addensante.

Leave a Reply

Your email address will not be published.