CRISTIANO DE ANDRÉ | De André canta De André Vol. 2, dal 30 novembre nei negozi di dischi

CRISTIANO DE ANDRÉ | De André canta De André Vol. 2, dal 30 novembre nei negozi di dischi

[ad#Juice 120 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

GENOVA, 26 NOV. – Dopo l’incredibile successo raccolto con il tour live di”De André canta De André”, durato quasi due anni con oltre 500.000 spettatori e continui sold out, Cristiano De André torna con una nuova raccolta di brani del grande Fabrizio: “De André canta De André ­ Vol. 22, dal 30 novembre 2010 nei negozi di dischi su etichetta MT Blues, distribuzione Universal.

Ad annunciare l¹uscita di questo nuovo scrigno di poesia in musica, il singolo radiofonico di Cose che dimentico, brano scritto da Cristiano nel 1995 insieme a suo padre con la collaborazione di Carlo Facchini, dedicato ad un loro amico poeta morto di Aids. Una canzone su uno “scherzo del destino²”e sulla lontananza fisica che questa malattia impone, che, nonostante l¹incredibile delicatezza delle atmosfere raccontate e la sorprendente profondità dello sguardo e delle parole, fu scartata dal festival di Sanremo.

Dopo il Volume 1 di “De André canta De André”, Cristiano celebra ancora una volta l’universo artistico di Faber, raccontando affettuosamente il padre Fabrizio, e con il suo straordinario talento di cantante e musicista rende omaggio alla grandezza della sua arte.

Le dieci tracce live dell’album, registrate nel corso degli oltre novanta concerti in giro per l’Italia, che hanno emozionato il pubblico e fatto rivivere la poesia di Fabrizio De André attraverso la voce del suo erede naturale e artistico, suo figlio, propongono un ritratto del grande maestro ancora più intimo e allo stesso tempo più ampio rispetto al volume precedente.

Anime Salve, Nella Mia Ora Di Libertà, Don Raffaè, Cose Che Dimentico,  duménega, un medley di Andrea – La Cattiva Strada – Un Giudice, La Collina, Crêuza de mä, Bocca Di Rosa e La Canzone dell’amore perduto sono i titoli con cui Cristiano raccoglie l’eredità paterna indirizzandola verso le sue corde musicali. L’anima rock, che da sempre caratterizza e distingue la sua interpretazione rispetto alle versioni originali, qui si apre infatti anche alle sonorità più etniche e popolari del repertorio di Fabrizio, come nel caso di Crêuza de mä e di Don Raffaé, esplorando poi la dimensione più emozionale ed intimista de La canzone dell’amore perduto.

Il disco è accompagnato da un dvd con le riprese video di tre brani, Disamistade, Franziska e Valzer per un amore, eseguiti nel corso del Notturno dell’Amistade, rassegna che si è tenuta lo scorso 8 luglio presso il Castello di Varano de Melegari (PR), con una veste speciale: insieme all’Orchestra Vianiner Philharmoniker del maestro Giancarlo Guarino, e, nel caso di Disamistade, con l¹accompagnamento del Coro della Cappella Farnesiana diretto da Antonello Aleotti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.