NBA | Gallinari e Bargnani stellari, New Orleans vince ancora

NBA | Gallinari e Bargnani stellari, New Orleans vince ancora

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

NEW YORK, 23 NOV. – Non finiscono di stupire gli italiani, ancora tre vittorie con le rispettive squadre nelle ultimo turno disputato. Gallinari e Bargnani se mantengono questo ritmo sono da All Star Game, Belinelli, sta facendo anche molto bene, ma forse ha più concorrenza nel suo ruolo.

Nella sfida contro i Clippers vinta dai Knicks, Gallinari mette a segno 31 punti, in una gara spettacolare per i due attacchi, piazzando 4 bombe dalla distanza e realizzando 13 tiri liberi consecutivi, frutto della freddezza acquisita. La gara è resa avvincente anche dal duello fisico tra il veterano Stoudemire ed il rookie Griffin, che a suon di schiacciate stratosferiche fanno impazzire lo Staples Center. Alla fine l’asso newyorchese avrà messo 39 punti, mentre Griffin realizza il suo career high con 44 punti.

New York-Los Angeles C.: 124-115

Toronto riemerge, piazzando la terza vittoria consecutiva dopo il disastroso inizio. Artefice principale Bargnani, leader dei canadesi, per l’ennesima volta top scorer dell’incontro. Partita avvincente contro Boston decisa all’ultimo secondo, con la rimonta dei Raptors spinti dal pubblico amico. Il romano mette a segno 29 punti stravincendo lo scontro diretto con Garnett, che lo sovrasta solo a rimbalzo. I veterani in verde sembravano controllare l’inerzia della gara, con i soliti spunti di  Pierce e i tiri di Allen, mantenendo un leggero vantaggio anche grazie alla buona vena di Robinson( 22pt). Ma Toronto non demorde e risale, oltre Bargnani trova i tiri decisivi di Barbosa e Weems nel finale, raggiungendo il sorpasso solo negli ultimi secondi , con i tiri liberi di Johnson.

Boston-Toronto: 101-102

New Orleans vola, vince la undicesima gara sulle dodici restando in testa alla Conference. Gara da ordinaria amministrazione per Belinelli, ancora titolare mette 12 punti in una gara nella quale ne bastano 75 per superare Sacramento. Partita in bilico fino al quarto periodo, decisa dalla maggiore esperienza degli Hornets. Ottima la gestione della palla di Paul, 14 assist per i suoi compagni, preferiti West(17 pt) ed Ariza(16 pt), e solida la difesa di Okafor che mette in difficoltà Dalembert. New Orleans si candida per la finale di Conference, ma resta da chiedersi se la panchina corta diventerà un problema in futuro, alla lunga serviranno i cambi per decidere le partite importanti.

New Orleans-Sacramento: 71-71

Vlady La Greca

Leave a Reply

Your email address will not be published.