OMICIDIO JENNIFER KLOKER, VERRÀ RICOSTRUITA LA SCENA DEL CRIMINE

RIMINI, 24 MAR. L’omicidio di Jennifer Kloker, avvenuto il 16 febbraio scorso a Recife (Brasile), sarà ricostruito in tutti i suoi dettagli, dalla polizia brasiliana. Gli inquirenti stabiliranno oggi, la data in cui verrà simulato il delitto della 22enne italo tedesca. Il remake dell’omicidio dovrebbe aiutare gli investigatori a completare la dinamica dei fatti. Probabilmente i presunti responsabili della morte di Jennifer non prenderanno parte alla simulazione del delitto. Per l’ordinamento brasiliano, infatti, nessuno può essere obbligato a testimoniare contro se stesso.

I primi a finire in carcere, per l’omicidio della 22enne italo-tedesca, furono Ferdinando e Pablo Tonelli, rispettivamente suocero e marito della vittima. Fu, poi, arrestata la suocera, Delma Freire, considerata dall’accusa, la mente del piano criminale. Per eliminare Jennifer, la 48enne brasiliana, avrebbe offerto 5.000 $ ad un vigilante disoccupato, Alexsandro Neves dos Santos, ultimo personaggio a finire in manette. Dalla testimonianza del presunto killer, sarebbero coinvolti nel delitto anche Pablo e Ferdinando Tonelli, sulle cui mani, una perizia, aveva rilevato tracce di polvere da sparo. Entrambi gli uomini, dal carcere, continuano a negare ogni addebito.

Il piano della donna oltre, all’omicidio di Jennifer, prevedeva anche quello di Ferdinando Tonelli. In questo modo, Delma Freire, avrebbe messo le mani sul patrimonio dell’uomo e avrebbe incassato il premio dell’assicurazione sulla vita di Jennifer, stipulata dalla ragazza a fine 2009. Ieri, intanto, il giudice Djaci Salustiano de Lima, ha prorogato di 15 giorni la detenzione di Pablo e Ferdinando Tonelli. Rimane ancora il mistero sull’arma del delitto, forse una pistola calibro 38, che, nonostante le ricerche, ancora non è stata trovata.

M. Cristina Reggini

Leave a Reply

Your email address will not be published.