TRAGEDIA IN TANGENZIALE A MODENA. BARBARA AGOSTI MUORE IN MOTO DAVANTI AL SUO FIDANZATO

TRAGEDIA IN TANGENZIALE A MODENA. BARBARA AGOSTI MUORE IN MOTO DAVANTI AL SUO FIDANZATO

MODENA 29 SETT. – La quarantenne di Rolo (che lavorava in una ditta di Carpi) era in sella a una Yamaha, quando è finita contro il guard rail. Fra i primi a soccorrerla, anche il fratello. Un terribile schianto in motocicletta non ha lasciato scampo a una donna di 40 anni, Barbara Agosti di Rolo di Reggio Emilia, morta sul colpo dopo essere finita violentemente contro il guard rail della tangenziale Mistral a Modena. L’incidente si è verificato ieri alle 18.10 all’altezza dell’uscita 17 per Cognento. La quarantenne è morta sotto gli occhi del fidanzato e del fratello.

La donna era a bordo della sua moto, una Yamaha da strada di grossa cilindrata, quando per cause in corso di accertamento da parte della polizia municipale ha perso il controllo del bolide andando a finire sotto il guard rail. Barbara Agosti percorreva la tangenziale in direzione Milano e probabilmente stava tornando a casa quando, dopo aver superato la prima curva a sinistra, ha sbandato infilandosi sotto lo spartitraffico centrale. La motocicletta, invece, ha fatto un volo di alcuni metri, saltando il guard rail e andando a finire nell’altra carreggiata. La donna è morta sul colpo per le gravissime ferite riportate nell’impatto con le lamiere dello spartitraffico e con l’asfalto.

Secondo quanto raccontato dalla zia della donna, Barbara Agosti era andata a fare un giro in moto con il fratello Marco e il fidanzato Paolo originario di Carpi, approfittando delle ultime giornate di sole e caldo, prima di riporre la moto in garage. Sono stati loro a prestare il primo soccorso e a chiedere l’intervento del 118: uno dei due ha anche avuto un malore.

Barbara lavorava come dipendente nell’azienda Dondi Jersey di Fossoli di Carpi, attiva nel settore del tessile abbigliamento, e abitava a Rolo con il fidanzato. Era una donna solare, dal carattere allegro, amante della vita. Lascia, oltre al fratello ed al fidanzato, anche il padre Giovanni e la madre Angela Galeotti. Il corpo è stato composto alla Medicina legale di Modena, in attesa delle disposizioni dell’autorità giudiziaria. Il traffico è rimasto bloccato per ore.

Chiara Arnone

APPRFONDIMENTI  Giochi: "I dati sull'Emilia Romagna sono fuorvianti e tendenziosi". L'analisi di SAPAR

Leave a Reply

Your email address will not be published.