Terremoto Emilia, l’inferno degli sfollati nelle tendopoli

Terremoto Emilia, l’inferno degli sfollati nelle tendopoli

BOLOGNA, 26 OTTOBRE – “Nelle aree colpite dal terremoto del maggio 2012 le persone ancora ospitate nelle tendopoli saranno sistemate in strutture alberghiere, spesso distanti decine di chilometri dal centro di vita famigliare e lavorativa e dietro un “enorme esborso pubblico”, anche perché i moduli abitativi provvisori pare che arriveranno solo a dicembre“.

Lo segnalano i consiglieri Roberto Sconciaforni e Monica Donini (Fds) in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale in cui chiedono quante siano le persone attualmente assistite in albergo e nei campi, compresi quelli spontanei.

I consiglieri vogliono inoltre sapere se esista un censimento che permetta di conoscere in che tipo di contesto abitativo siano inserite le unità immobiliari danneggiate (se condominiali o abitazioni singole) e se la Regione non ritenga di modificare le modalità e l’entità del risarcimento se l’unità immobiliare è casa singola o appartamento.

Sconciaforni e Donini sollecitano inoltre verifiche per evitare che “la necessità di tenere compressa la spesa necessaria alla ricostruzione comprometta la qualità dell’intervento e la sicurezza“. Visto poi che “i contributi di autonoma sistemazione stanno iniziando a arrivare solo ora, a singhiozzo e solo per la tranche di giugno/luglio“, determinando difficoltà a molte famiglie senza casa a trovare un alloggio, “anche a causa della speculazione che ha fatto aumentare vertiginosamente gli affitti“, i consiglieri domandano quali siano i tempi previsti per l’erogazione del contributo e quante siano le domande pervenute fino a oggi.

Altre richieste di chiarimento riguardano: il numero delle case sfitte recuperate alla disponibilità della Regione, se ci sia l’intenzione di
procedere “alla loro requisizione”, se si intendano adottare iniziative di controllo e sanzionatorie per colpire la speculazione sugli affitti e quante siano le abitazioni messe in vendita attraverso il bando regionale per l’acquisto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.