Processo per truffa contro il consigliere Vecchi: danno di immagine?

Processo per truffa contro il consigliere Vecchi: danno di immagine?

BOLOGNA, 25 OTTOBRE – “Crediamo, lo ribadiamo ancora, che la Regione Emilia-Romagna debba costituirsi parte civile nel processo per truffa contro il Consigliere Alberto Vecchi e abbia sbagliato nel non farlo alla prima occasione” – ha dichiarato pochi minuti fa Andrea Defranceschi, Capogruppo del Movimento 5 Stelle Emilia-Romagna – “per questo abbiamo presentato un’interpellanza a risposta orale in Aula per chiedere alla Regione di tutelarsi, eventualmente, anche per il grave danno d’immagine subito, in particolare dall’Assemblea Legislativa, oltre al recupero dell’eventuale somma ottenuta illecitamente da Vecchi – misura che riteniamo insufficiente e parziale”.

“Inoltre – prosegue il ‘grillino’ vogliamo capire se l’attuale titubanza e rinvio della scelta, non siano dettate dalla circostanza che da essa discenderebbe, automaticamente per la legge n. 154, del 23 aprile 1981, la decadenza del consigliere regionale Alberto Vecchi.

“Infine – conclude Defranceschi – chiediamo a quanto ammontino le spese già sostenute, per intervenire come parte offesa nell’udienza preliminare e nelle fasi precedenti, quali siano i risultati raggiunti a seguito di questa scelta e se dette spese appaiano giustificabili nell’ipotesi di non costituzione come parte civile. Abbiamo pagato un Avvocato esterno, per l’ennesima volta, che è stato ad ascoltare…”

Andrea Defranceschi
Capogruppo Gruppo Assembleare Movimento 5 Stelle-Beppegrillo.it Emilia-Romagna

Leave a Reply

Your email address will not be published.