Maxi sequestro nel Reggiano di prosciutti. Denunciato titolare dell’azienda

Maxi sequestro nel Reggiano di prosciutti. Denunciato titolare dell’azienda

[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

Reggio Emilia, 10 Nov. – I Nas di Parma hanno sequestrato nove tonnellate di prosciutti (alcuni confezionati sotto vuoto), fiocchetti ed altri prodotti a base di carne detenuti in un ingrosso della provincia di Reggio Emilia, nonostante le loro caratteristiche fisiche e microbiologiche li rendessero assolutamente inadatti al consumo umano. Forte il cattivo odore emanato da molti dei prodotti, probabile conseguenza di uno stato di alterazione dovuto alla inadeguata salatura, e soprattutto gli alimenti si presentavano erano in buona parte invasi dal ‘ruffino’ (un acaro del prosciutto), molto disidratati, con evidenti segni di irrancidimento. sulla parte grassa.

Il valore dei prodotti ammonta a 200mila euro.

Nel corso dell’ispezione, effettuata con personale veterinario della Usl di Reggio Emilia, i militari hanno accertato anche che circa 2 tonnellate di salumi erano scaduti da tempo.

Il sequestro  è scattato poiché, nonostante le condizioni degli alimenti, l’azienda non li aveva identificati come non destinati alla commercializzazione, per cui e’ apparso logico dedurre che fossero pronti per essere distribuiti per il consumo umano, magari con ”ritocchi” e ”toelettature”, come conferma il fatto che, secondo la documentazione aziendale, non si tratta di giacenze di magazzino, ma sono stati acquisiti solo poche settimane fa dal fallimento di un’altra ditta del reggiano operante nel settore..

L’azienda oggetto dell’intervento era già stata ‘pizzicata’ nel giugno di quest’anno: dopo un’ispezione dei Carabinieri del NAS di Parma erano state sequestrate oltre 30 tonnellate di prodotti a base di carne, tenuti in deposito per conto di una ditta che li aveva importati dalla Spagna senza darne comunicazione alle competenti autorità veterinarie e senza garantirne la corretta tracciabilità (imposta anche da norme comunitarie).

Denunciato il titolare dell’azienda alla Procura della Repubblica di Reggio Emilia per detenzione di alimenti destinati al consumo umano in cattivo stato di conservazione.

Di Manlio Scimeca

[ad#Aruba Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.