Omicidio Legnano, Roberto Colombo già denunciato per stalking dalla moglie

LEGNANO, 29 GIUGNO – Lo scorso ottobre, Stefania Cancelliere aveva depositato alla Procura di Milano un esposto per atti persecutori (stalking) a carico del marito Roberto Colombo, che pare la minacciasse telefonicamente. Il pm Ada Mazzarelli, dopo aver interrogato Colombo, che aveva negato tutto, aveva ritenuto di non arrestare l’uomo, poiché il tenore della denuncia sembrava lasciare spazio a una possibilità di riconciliazione tra i due.

Il sequestro delle armi dopo la denuncia

Dopo la denuncia per stalking, gli agenti del commissariato di Legnano avevano sequestrato a Roberto Colombo delle armi comuni da sparo che l’uomo teneva in casa. Un provvedimento precauzionale, che si è soliti prendere quando si teme che in una famiglia ci possano essere delle liti o una persona possa creare problemi; una situazione comunque ricorrente tra genitori separati.
Non è bastato per evitare la tragedia di mercoledì sera.

Epidemia Femminicidio

Quello di Stefania Cancelliere è il cinquantacinquesimo omicidio di una donna per mano del partner (o ex) avvenuto nel nostro Paese dall’inizio dell’anno. Un dato allarmante, che batte su una ferita aperta nel nostro paese e lontana dalla guarigione, quella della violenza domestica e della sua degenerazione in femminicidio. Per mano di marito, fidanzato o ex partner, tra il silenzio e l’apparente sicurezza delle mura domestiche.

Ilaria Facchini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>