Arezzo, rottura diga: 450 sfollati

Arezzo, rottura diga: 450 sfollati

SAN SEPOLCRO (AREZZO), 30 DIC – Sono oltre 450, secondo la prefettura di Arezzo, gli sfollati dei comuni di San Sepolcro e Anghiari dopo un guasto ad una paratia della diga di Montedoglio.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

“Le persone sono state tutte prontamente accolte dai Comuni – spiega il prefetto di Arezzo, Saverio Ordine – in scuole, palestre, ospedali. Oggi, le loro case saranno sottoposte a controlli, praticamente una per una. Si presume che quelle più vicine alla diga siano state allagate ma ora è presto per dirlo. Sarà una giornata di grande lavoro per vigili del fuoco, tecnici e forze dell’ordine”.

Per quanto riguarda la rottura della diga, ha aggiunto: “E’ perfettamente sotto controllo. Nelle prossime ore, quando l’acqua arriverà a livello della falla e si fermerà, i tecnici potranno valutare il danno e capire che cosa lo ha provocato. Per ora non ci sono ipotesi”.
Dalla frattura uscivano circa 250 metri cubi di acqua al secondo, che si riversavano nell’alveo del fiume Tevere e i ponti lungo il fiume da Sansepolcro a Città di Castello, in Umbria, sono stati chiusi per precauzione, ma dopo una notte di paura la situazione sta tornando alla normalità.

Il livello del Tevere e’ di 3 metri piu’ alto del normale, ma questo non dovrebbe causare esondazioni. I tecnici e i vigili del fuoco in giornata e nei prossimi giorni verificheranno i danni subiti dalla diga ed eventualmente anche dai ponti sul Tevere, e sottoporranno a controlli le case evacuate.

Davide Genovesi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.