Reggio Calabria: agguato mortale nella notte per due spacciatori pregiudicati

Reggio Calabria: agguato mortale nella notte per due spacciatori pregiudicati

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

REGGIO CALABRIA, 18 NOV. Massimiliano D’Ascola, 35 anni, e Giorgio Clemeno, 31, sono stati uccisi nella notte davanti alla loro abitazione, nel quartiere Cep ad Archi, in provincia di Reggio Calabria. I due, che abitavano nello stesso stabile, stavano rientrando, quando sono stati freddati da diversi colpi di pistola, forse calibro 7.65. Sul posto sono intervenutoi i Carabinieri avvertiti da una telefonata

Le indagini, al momento, non escludono alcuna ipotesi, anche se il fatto che i due fossero conosciuti dalle forze dell’ordine come spacciatori di medio livello fa pensare possa trattarsi di un regolamento di conti per un torto commesso o una partita di droga non pagata. Sotto esame degli inquirenti anche eventuali legami con la criminalità organizzata. Pur non risultando affiliati ad alcuna cosca, D’Ascola, secondo gli investigatori, avrebbe avuto rapporti con esponenti del clan Tegano, che opera nella zona di Archi, periferia nord di Reggio.

Clemeno, invece, arrestato nell’aprile 2010 nell’ambito dell’operazione “Eremo”, solo alcuni giorni fa era stato condannato a tre anni e sei mesi di reclusione dal gup di Reggio Calabria. Il processo, eseguito con rito abbreviato, era conseguente all’operazione “Eremo“, condotta dalla squadra mobile e dalla Dda di Reggio Calabria, contro una sessantina di persone, accusate di fare parte di più associazioni dedite al traffico ed allo spaccio di stupefacenti nella provincia reggina.

Cristina Reggini

[ad#Aruba Banner][ad#Cpx Popunder]

Leave a Reply

Your email address will not be published.