Rifiuti: ancora violenza a Giugliano, ancora feriti. Stavolta un poliziotto

Rifiuti: ancora violenza a Giugliano, ancora feriti. Stavolta un poliziotto

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

NAPOLI, 1 NOV. – Ancora violenza a Giugliano, ancora feriti. Stavolta un poliziotto, che aveva fermato un manifestante si è visto avvicinare da latri manifestanti che, solidarmente, volevano far liberare il loro compagno. L’azione ha fatto si che nella confusione sia il poliziotto che il manifestante hanno riportato ferite.

Quel che è rilevante è che il poliziotto, nonostante accerchiato, sia riuscito a svincolarsi. Nonostante le nostre facili previsioni e i nostri annunci, quanti feriti dovremo ancora vedere? Chi si assumerà le responsabilità di tutto quelle violenze che hanno subìto da venti anni tutti i poliziotti ed i carabinieri?

Tutta colpa di una cattiva politica che ha trasformato Napoli nel tumore dell’ Italia, un cancro che ha avvelenato la Campania in modo irreversibile!!! Cosa altro dovranno subìre e sopportare le Forze dell’Ordine? Quel che qualcuno voleva accadesse è accaduto!!! Adesso i SOLITI NOTI acaccia di visibilità e per fomentare le masse avranno gioco facile!!!

Purtroppo, ci saranno le solite vittime: gli uomini in divisa che dovranno pagare ancora con le ferite ed il loro sangue decisioni che hanno messo in crisi l’Italia!!! Si è raggiunti livelli di esasperazione inauditi e qualche politico dovrà pagarne le conseguenze, non è possibile che si continui nella loro immunità ed impunità!!!

Chi invece è esposto a qualsivoglia MACELLERIA MEDIATICA sarà sempre e comunque il poliziotto che DEVE eseguire gli ordini e rimanere ferito o peggio con il rischio di ulteriori conseguenze.

Il Sindacato Polizia Nuova dice basta ai massacri degli uomini in divisa, uomini che sono il parafulmine di tutti i guai fatti dai soliti noti. Adesso è il momento per chiedere tutela per gli uomini in divisa perchè i soliti sobillatori approfitteranno di qualsiasi episodio per esasperare la piazza e cercare un altro G8.

Pasquale Di Maria

Leave a Reply

Your email address will not be published.