TORINO, PIETRO CUTRI’ VITTIMA DI UNA SORTE TERRIBILE: MUORE CON LA TESTA INCASTRATA NEGLI INGRANAGGI DELL’ASCENSORE

TORINO, PIETRO CUTRI’ VITTIMA DI UNA SORTE TERRIBILE: MUORE CON LA TESTA INCASTRATA NEGLI INGRANAGGI DELL’ASCENSORE

TORINO, 19 NOV. – Un operaio di 27 anni è morto a Torino schiacciato da un ascensore. Il ragazzo si chiamava Pietro Cutrì e lavorava per la ditta che aveva realizzato l’ascensore. Questa mattina stava eseguendo dei lavori di rifinitura al piano terra quando ad un certo punto – spiegano gli agenti della questura di Torino che sono intervenuti – la cabina si è messa in movimento, e il 27enne è rimasto incastrato tra questa e la struttura esterna.

L’incidente è avvenuto in via Val della Torre 58, in una casa d’epoca. I vigili del fuoco, che sono intervenuti per primi hanno trovato il ragazzo con la testa incastrata tra il tettino dell’ascensore e un ingranaggio. Lo hanno estratto, ma per lui non c’era nulla da fare. L’intervento – raccontano i vigili del fuoco – è stato immediato, perché la caserma dei vigili del fuco è a pochi isolati dal luogo dell’incidente, ma i medici del 118 non hanno potuto far altro che accertare il decesso del giovane operaio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.