Ponte Morandi, continua il braccio di ferro politico sulla gestione Continua lo scontro politico tra opposizioni

Ponte Morandi – A quasi due anni dalla tragedia del Ponte Morandi che ha causato 43 vittime, si cerca di sciogliere la matassa riguardante la sua gestione ma la situazione non è facile. Probabilmente lo si farà con un Consiglio dei Ministri che verosimilmente si terrà lunedì. Il governo ha posto delle condizioni: in mancanza di queste scatterà la revoca della concessione a Benetton.

Intanto, la Corte costituzionale ha ritenuto non fondate le questioni relative all’esclusione legislativa di Autostrade dalla procedura sull’affidamento delle opere di demolizione e di ricostruzione del viadotto. La sentenza è confermata dalla ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli: sarà Autostrade a gestire il nuovo ponte di Genova. Il braccio di ferro politico si è acceso subito dopo le parole della ministra: il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, attacca: “Voi ridate il ponte ad Autostrade senza ottenere nulla”. Critico anche il M5s, con Luigi Di Maio che su Facebook ammonisce: bisogna “mantenere le promesse fatte”, e cioè che “i Benetton non avrebbero più gestito le autostrade”. Se da una parte i Cinque Stelle continuano a chiedere la testa dei Benetton, il leader di Italia viva Matteo Renzi dice, invece, che è impossibile estrometterli.

PONTE MORANDI, SCONTRO POLITICO

Il M5s non sembra, però, intenzionato ad arretrare: “Senza il Movimento 5 Stelle al Governo il tema della rimozione della concessione autostradale ai Benetton non sarebbe mai entrato nemmeno nel dibattito politico. E non ci vuole la sfera di cristallo per indovinarlo tantomeno una laurea per capirlo. I Benetton con le Autostrade italiane fanno i comodi loro da decenni, li hanno fatti sotto tutti i governi di sinistra e destra, sovranisti e non. Li hanno fatti con Berlusconi, con Bossi, con Salvini, con la Meloni, con Renzi, con Prodi e con chi li ha anticipati”, ha scritto in un post su Facebook il sottosegretario Manlio Di Stefano.

Il presidente del Consiglio Conte tenta di mediare da Madrid: “Il dossier sarà chiuso entro questo fine settimana. La situazione è paradossale e rischia di diventare assurda, fino a quando il concessionario è Autostrade è evidente che il Ponte non può che essere automaticamente nella concessione di Autostrade”, ha spiegato.

Intanto, mentre divampa lo scontro tra opposizioni, proseguono i lavori sul nuovo ponte di Genova che prenderà il posto. Le immagini, da un drone, mostrano lo stato di avanzamento del cantiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.