LADY MASTELLA SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI: “MI STANNO AMMAZZANDO”

LADY MASTELLA SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI: “MI STANNO AMMAZZANDO”

ROMA, 4 DIC. Sandra Mastella, indagata per tentata concussione, ha l’obbligo di dimorare lontano dalla sua Campania e dalle sei province limitrofe di Latina, Frosinone, Isernia, Campobasso, Foggia e Potenza. Il fatto le crea talmente profondo dispiacere che dichiara al Corriere della Sera: “Mi stanno uccidendo. Stanno perseguitando una persona perbene. Peggio degli arresti domiciliari, perchè questa cosa può durare un anno”.  La Presidente del Consiglio regionale della Campania sottolinea, amareggiata, che “a dire che sono stati violati i miei diritti stavolta non sono solo io. È il Parlamento europeo”. “La commissione giuridica guidata dal Pd Luigi Berlinguer – spiega – ha invitato il presidente dell’assemblea a chiedere chiarimenti allo stato italiano sulla mia vicenda”.

Anche il marito, Clemente Mastella protesta: “Possibile che per 32 anni di carriera politica io sia stato un uomo perbene e adesso sono una sorta di Provenzano? I miei guai sono cominciati – osserva – quando sono diventato ministro della Giustizia”. “E pensare – afferma – che non ho mai preso un euro. Ecco perchè dico: processateci. Subito. Voglio una cosa pubblica, mediatica. Ma almeno la gente saprà la verità” perchè, aggiunge, “non vorrei che finisse come con ‘Why not’, dove dopo la gogna il gip mi ha prosciolto per infondatezza di notizia di reato”.

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.