Parigi Haute Couture: tutte le anticipazioni sulle sfilate di moda nella capitale transalpina

Parigi Haute Couture: tutte le anticipazioni sulle sfilate di moda nella capitale transalpina

PARIGI, 3 LUGLIO – Il primo luglio si è aperta la settimana dell’alta moda parigina, o meglio conosciuta come “Paris Haute Couture”: fino al quattro luglio le più grandi maison di moda parigine ed italiane solcheranno le  passerelle con le loro creazioni d’ alta sartoria dando sfoggio e sfogo ad abilità manuali e creative che hanno reso nomi quali Valentino, Chanel, Dior degni di fama internazionale.

Una scaletta piena di appuntamenti partendo con l’ apertura in passerella assegnata alla casa di moda italiana Versace, per poi seguire, nella giornata successiva da Dior, Giambattista Valli, Alexis Mabille, Bouchra Jarrar. Il terzo giorno si avranno nomi del calibro di Chanel, Givenchy, Giorgio Armani Privè per finire il quarto giorno con Maison Martin Margiela, Valentino, Jean Paul Gaultier.

L’ATTESA PER DIOR – Senza alcun dubbio, la sfilata più attesa è stata quella di Raf Simon per Dior, casa di moda che ha scritto un pezzo di storia del costume grazie al, concedetemelo, genio creativo Christian Dior che ha saputo inventare uno stile ed una femminilità completamente nuovi rispetto alle tendenze dell’ epoca.

Dopo il licenziamento di John Galliano dalla maison per affermazioni razziste nei confronti di ebrei, il mondo della moda ha atteso con trepidazione l’ annuncio di colui che succederà lo stilista nell’ ambita casa di moda Dior.

Il debutto ufficiale dello stilista si è svolto seguendo una linea più moderna con richiami dello stile caratterizzante la maison Dior nella vita alta sottolineata spesso da cinture alle longuette tipica degli anni 50’. C’ è meno eccentricità e voglia di osare tipica di John Galliano che ci ha deliziato con sfilate ricche di applicazioni floreali, tulle e ricami di ogni genere.

In questa sfilata troviamo più sobrietà rispetto ciò a cui ci eravamo abituate: le gonne ricamate vengono abbinate a maglie nere semplici e lo stesso avviene per i top.

Giambattista Valli fa sfilare una donna molto femminile, caratterizzata da vestiti morbidi e svolazzanti a composizioni di ruches e volant creando molto volume soprattutto nel collo il tutto a stampa floreale nei toni del rosso e verde.

Ulteriore evento che ha segnato la settimana della moda parigina è la riapertura della Maison Schiapparelli, fortemente voluta da Della Valle che ha riproposto i dettagli che hanno reso grande questo brand quale stampe di aragoste, animali ed altre figure, cappelli ed accessori dalle forme inconsuete: Elsa Schiapparelli ha così creato una maison rivoluzionaria, futurista ed innovativa nel suo genere.

Oggi ci saranno le attesissime sfilate di ulteriori atelier Haute Couture tra cui Chanel, Armani, Givenchy: attendo con ansia la possibilità di parlarvene.

Chiara Sonda 

Leave a Reply

Your email address will not be published.