DOPO ESSERE STATO LASCIATO PER 3 GIORNI IN UNA BARELLA, MUORE AL PRONTO SOCCORSO

DOPO ESSERE STATO LASCIATO PER 3 GIORNI IN UNA BARELLA, MUORE AL PRONTO SOCCORSO

ALBANO (Roma), 12 DIC. – Un uomo di 60 anni, cardiopatico, obeso e diabetico, era stato ricoverato d’urgenza martedì scorso per una grave crisi respiratoria. La moglie racconta al Tg3 che è stato lasciato morire su una barella nella quale, per ben tre giorni, era stato “parcheggiato”, all’ospedale ‘San Giuseppe’ di Albano Laziale, vicino a Roma.

AL PRONTO SOCCORSO – «Aveva bisogno di cure specifiche invece è stato tenuto per tre giorni al pronto soccorso. Solo ieri sera – racconta Angela Bellagamba, moglie dell’uomo – lui mi ha parlato, mi ha detto “Angela portatemi via da qui perché mi fanno morire”. Gli ho fatto “Guarda non ti preoccupare domani mattina veniamo presto, ti prendiamo e ti portiamo via” e invece quando siamo andati non abbiamo fatto in tempo». «È stato da martedì fino a venerdi mattina sulla barella». I medici, prosegue la donna, dicevano che «non c’erano posti. Ci abbiamo pensato noi a trovare un letto ad Aprilia chiamando da casa, ma quando siamo andati a prenderlo era già morto». La famiglia ha denunciato l’ospedale e la procura di Velletri ha disposto l’autopsia.

«UNA RELAZIONE ESAUSTIVA» – Il vicepresidente della Giunta regionale del Lazio, Esterino Montino, «ha disposto l’avvio immediato di un’indagine per verificare come e perché si sia potuto verificare nella rete ospedaliera del Lazio un episodio cosi grave». Montino ha chiesto «per lunedì mattina al direttore generale della Asl Roma H (Castelli) una relazione esaustiva, particolareggiata e documentata rispetto alla vicenda, per verificare eventuali responsabilità». Nello stesso tempo «si è avviata un’indagine per verificare la effettiva disponibilità dei posti letto in tutti gli ospedali della Capitale nei tre giorni che il cittadino di Albano è rimasto sulla barella». «Ho seri dubbi sul fatto che la rete ospedaliera del Lazio per tre giorni non sia stata in grado di dare un posto letto al malato di Albano – ha dichiarato Montino – e voglio vederci chiaro in tempi brevissimi. Episodi di questo genere sono inaccettabili».

Redazione

[ad#Google Adsense Banner City]

Leave a Reply

Your email address will not be published.