Milan inarrestabile dal post lockdown: i rossoneri possono vincere lo scudetto? Sesta vittoria in cinque partite di campionato per i rossoneri, sette i gol di Zlatan: lo scudetto è possibile?

milan scudetto rovesciata ibrahimovic

Il Milan continua a vincere, sono cinque le vittorie in sei partite in Serie A; con un Zlatan Ibrahimovic sempre più decisivo. Lo svedese con 7 gol in campionato, di cui è capocannoniere, e 1 assist sta guidando il gruppo di Stefano Pioli. L’avvio di stagione dei rossoneri è convincente, una marcia da sicuro piazzamento in Champions League. Ma in un campionato in cui le due favorite annunciate, Juventus e Inter, stanno avendo non poche difficoltà, è autorizzato sognare: il Milan è una squadra in grado di vincere lo scudetto?

Percorso da big: il Milan può davvero vincere lo scudetto?

Il ruolino di marcia direbbe di sì. La proiezione di fine stagione porterebbe il Milan addirittura a 96 punti, risultato più che ampio per assicurarsi il tricolore. Ma solo 6 incontri sono pochi per affidarci ad una proiezione affidabile. E allora a più ampio raggio si può dare uno sguardo al ruolino di marcia del Milan dal post lockdown ad oggi. Ebbene il risultato è sorprendente con 10 vittorie e 3 pareggi nelle 13 gare rimanenti della scorsa stagione. Di fatti il Milan, dalla ripresa del campionato dopo lo stop dovuto al Covid, comanda la classifica di Serie A. Ecco, questo è un dato di cui tener conto e che può davvero far sperare i supporters rossoneri, da troppi anni relegati in posizioni di classifica che non competono alla storia del club.

milan scudetto rovesciata ibrahimovic

Pioli e Ibrahimovic predicano calma

Il tecnico rossonero predica calma, come è giusto che sia. “Il nostro percorso è solamente all’inizio, l’obiettivo è migliorare il risultato dell’anno scorso – detto Pioli dopo il successo ai danni dell’Udinese –. Le squadre che ci sono arrivate davanti più il Napoli sono davvero forti. Pensiamo ad una partita alla volta, poi i conti si fanno alla fine“.

Al coro di unisce lo stesso Zlatan Ibrahimovic, che sempre nel posta partita dopo il successo con i friulani, gara decisa da un suo splendido gol in rovesciata, ha commentato: “Le cose stanno andando bene, ma noi pensiamo una partita per volta. Ogni partita è una finale, poi vediamo dove arriviamo. Abbiamo appena iniziato“.

Milan da scudetto, cosa fa pensare al contrario?

Il percorso dei rossoneri non lascia molti dubbi: continuando così questa squadra può davvero pensare al colpo groppo. Eppure qualche limite la squadra pare averlo. La rosa è formata da tantissimi giovani, tant’è da avere l’età media più bassa tra i club che partecipano alle competizioni europee. E avere così tanto giovani in rosa può rappresentare un’arma a doppio taglio. Entusiasmo ed energie, ma anche pressione con il passare delle settimane. Così come può essere un limite dipendere da un singolo calciatore come Ibrahimovic. Un fenomeno, senza ombra di dubbio, ma pur sempre un 39enne.

I dubbi permangono, certo. Eppure, in una stagione dove l’imprevisto (il contagio) è dietro l’angolo, sovvertire le previsioni di inizio stagione non potrebbe essere un’impresa davvero impossibile. Soprattutto se in squadra hai un giocatore “divino”.

Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.