De Laurentiis positivo al Coronavirus, aveva sintomi ma ha partecipato alla riunione in Lega Il presidente del Napoli ha giustificato i sintomi da Covid con una presunta indigestione da ostriche

de laurentiis coronavirus

Notizia a ciel sereno che questa mattina ha squarciato gli ambienti del calcio: il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è risultato positivo al Coronavirus. La notizia di un presidente di Serie A positivo al Coronavirus era già filtrata nella serata di ieri, dopo un’anticipazione rilanciata da Repubblica. Poi questa mattina la conferma ufficiale apparsa sul sito del club partenopeo.

De Laurentiis positivo al Coronavirus, ieri ha partecipato alla riunione di Lega

Notizia che scuote il mondo del calcio italiano, dicevamo. Già, perché mercoledì il patron azzurro, 71 anni, aveva partecipato all’assemblea di Lega a Milano sui diritti televisivi e al termine della riunione si era anche intrattenuto, senza mascherina, con i giornalisti. Nelle ore precedenti tutti i presidenti erano stati sottoposti a tampone.

Nei giorni scorsi, inoltre – riferisce Il Mattinoera risultato positivo al tampone anche un dirigente del club che aveva seguito la squadra nel ritiro di Castel di Sangro. In quell’occasione, il dirigente positivo, aveva soggiornato per dieci giorni nella stessa struttura dove c’era il presidente azzurro, ma il club non ne aveva dato notizia.

de laurentiis coronavirus

Sintomi da Covid-19, ma per ADL era un’indigestione da ostriche

E proprio per questo sotto accusa è finito anche il comportamento del patron del Napoli. Come detto, il numero uno del club partenopeo ha partecipato ieri all’Assemblea di Lega tenutasi a Milano. “De Laurentiis – scrive l’edizione odierna di Repubblicanon avrebbe indossato la mascherina in diversi momenti della giornata. Il presidente del Napoli aveva da giorni sintomi ed era in attesa dei risultati del tampone arrivati in serata. Avrebbe giustificato il suo malessere con un’indigestione da ostriche. Nonostante questo si è presentato alla riunione di Milano“.

De Laurentiis, in base a quanto emerso, non è asintomatico. Inoltre all’inizio di quest’anno, prima che esplodesse la pandemia, era stato costretto a un periodo di riposo per problemi polmonari di un certo rilievo.

Intanto tutti gli altri presidenti presenti all’assemblea, avvertiti intorno alle 20 di mercoledì della positività del collega, saranno tutti posti in isolamento e soggetti a tampone.

Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.