Aumenta il prezzo del caffè, sapete quanto costa oggi? Il settore del caffè al secondo aumento in un ventennio: perché è la scelta giusta

Aumenta il prezzo del caffè. Dopo quasi tre mesi di blocco totale, finalmente, con la fase 2 in Italia hanno rivisto la luce anche i bar. Che, seppur con pur necessarie limitazioni orarie e stringenti normative igienico-sanitarie cui uniformarsi, possono tornare ad accompagnare la quotidianità della nostra società. Il lockdown, però, giocoforza va a cambiare una serie di abitudini anche assai solide.

La riapertura dei bar si è tradotta, però, immediatamente in un rincaro dei prezzi dei beni di prima necessità. Insomma, il costo degli alimenti è cresciuto: è in aumento per le carni, per i pesci, per le verdure, per l’acqua. Aumenti per produrre significa immediatamente aumenti per consumare. Con questa logica è aumentato anche il prezzo del caffè. Sacrosanto, probabilmente.

Aumenta il prezzo del caffè: i costi

Da 90 centesimi ad 1,30 euro con una pandemia di mezzo. Oggi il costo di un espresso al banco è aumentato di quaranta centesimi. Si è scatenata una imprevedibile polemica, nelle scorse ore, tra i vertici del Codacons, che ha giudicato “scandaloso” l’aumento del caffè per sopperire a una serie di mancati incastri che hanno paralizzato il mondo dei bar in questi due mesi.

Inutile dire che si è consumato lo scontro anche con chi difende giustamente la scelta di un aumento ritenuto “sacrosanto” e doveroso, nonché tempestivo: della serie, se non ora quando? Non si può stabilire un vinto né un vincitore; nemmeno dire se c’è chi ha torto e chi, invece, ha ragione. Piuttosto è utile sottolineare che ognuno ha i suoi motivi, in un senso o nell’altro.

La scelta giusta

Tuttavia si tratta, probabilmente, della scelta più giusta e consona. E no, non c’entra il momento particolare vissuto, i mancati guadagni e la crisi ormai incalzante. C’entrano tutt’altre ragioni, molto più profonde e in qualche modo rispondenti alle logiche di correttezza (e concorrenza) sul mercato.

Il prezzo del caffè, in Italia tra i più bassi d’Europa, in nome di logiche che premiano la quantità al posto della qualità, è sempre più tendente al basso. In tempo pre-Covid non era difficile trovare caffè in “promozione” a sessanta centesimi. Urgeva una rivoluzione che, se completata, dovrebbe essere ben accolta. Starbucks, nel suo feudo milanese, vende un espresso, a buona ragione, circa 1,80 euro. Laddove in Europa un espresso parte da 2,10 euro, come nel caso del Portogallo, altra patria del caffè europeo.

Un prodotto alimentare

Il caffè è quasi visto come una medicina: si va al bar, si beve in pochi secondi. Freddo o caldo, non ha differenza. Zuccherato o amaro, piace lo stesso. Costa poco, ed è una piacevole abitudine. Se costasse di più, forse, non piacerebbe come piace. Tutto giusto, tutto condivisibile.

Se non fosse che spesso ci si dimentica che il caffè è un bene alimentare, che viene da una pianta, che ha dei costi, che ha una produzione. Nettamente superiore, il tutto, ai novanta centesimi. Ed è dunque tempo che si faccia una vera cultura di caffè, all’insegna del rispetto per una bevanda, ed una categoria, che contribuisce al nostro benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.