Boom influenza: la peggior epidemia degli ultimi 14 anni

6 milioni di italiani a casa. Un virus che, secondo le previsioni, farà ancora danni nel prossimo mese di febbraio

Boom influenza: la peggior epidemia degli ultimi 14 anni

La peggior epidemia degli ultimi 14 anni, secondo i dati. Già oltre quattro milioni di italiani sono costretti a letto da febbre e forte virus influenzale: tosse, mal di gola, placche ed ovviamente un innalzamento della temperatura tale da debilitare grandi e piccini.

Sono soprattutto i bambini i più colpiti, causando forte contagio fra genitori e chiunque gli è attorno per provvedere alle necessarie cure. Non solo, anziani che sono finiti direttamente all’ospedale per gli effetti collaterali di una febbre ed un virus tanto forte da scatenare nei peggiori dei casi polmonite e asma.

Erano quasi tre lustri che non si registravano numeri tanto ingenti e il peggio, secondo le previsioni, deve ancora venire. Si stimano infatti almeno altri due milioni di italiani che in particolar modo nel mese di febbraio, le due settimane centrali, saranno colpiti dall’influenza.

I modi per prevenirla ci sono, ma non possono sconfiggerla nel caso in cui ci si trovi a stretto e continuo contatto con chi ha avuto una forte influenza. Lavarsi bene e costantemente le mani, è il primo e più semplice dei rimedi. Cercare di evitare luoghi troppo affollati, impedire la trasmissione dei germi con i nostri cari che hanno avuto o è in corso la loro influenza.

Per chi lavora in ufficio, il consiglio laddove previsto è quello di proporre al datore di lavoro l’home working. Una soluzione ideale per chi intende non far mancare il proprio apporto professionale e al tempo stesso riprendersi dalla malattia, soprattutto facendo in modo che i colleghi attigui non vengano contagiati, decimando il rispettivo reparto.

Un virus così forte da non trovare nemmeno giustificazione in una stagione invernale raramente così poco fredda come nel corso di questa annata.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.