Bologna, una famiglia su due non paga il condominio

Bologna, una famiglia su due non paga il condominio

In un condominio su due c’è almeno una famiglia che non paga le spese condominiali. E, sotto le Due Torri, l’incremento dei morosi è il più alto di tutta Italia, almeno tra le grandi città. A dirlo è l’analisi di Confabitare, che ha preso in considerazione i numeri di tredici città italiane. A Bologna, a fine 2016, le morosità erano in tutto 3.896, a fronte di 7.546 condomini con più di otto proprietari, il numero minimo a partire dal quale è obbligatorio avere un amministratore condominiale.

Nessuno, tra i maggiori centri abitati, ha visto un incremento pari a quello registrato sotto le Due Torri negli ultimi dodici mesi: più 33,8%, in pratica un aumento di 984 morosità da un anno all’altro. Il boom di morosi è con tutta probabilità uno degli effetti della crisi: le famiglie che sono in difficoltà, prima di sospendere il pagamento dell’affitto, che comporterebbe la possibilità di vedersi intimare uno sfratto per morosità, sospendono il pagamento delle rate condominiali perché pensano di correre meno rischi. Da giugno 2013 però con la legge di riforma del condominio, gli amministratori sono obbligati a recuperare i mancati incassi emettendo dei decreti ingiuntivi nei confronti dei condomini morosi: per chi è un proprietario senza un mutuo, vuol dire rischiare di vedersi la casa ipotecata. Eppure si registra un’impennata dei decreti ingiuntivi proprio negli ultimi due anni.

Numeri esigui ma in proporzione elevatissimi, soprattutto se si pensa che andare davanti al giudice è l’extrema ratio per ottenere l’importo dovuto. L’importo medio delle morosità è di 950 euro, 300 in meno della media nazionale e non ci sono quartieri immuni. Quello che conta il maggior numero di morosi è il Navile (811), seguito dal Savena (751) e da San Vitale (712). Ma pure realtà come Porto-Saragozza e Santo Stefano, insieme, contano 1.210 morosità non risolte al 31 dicembre 2016. Chiude il quartiere Borgo Panigale-Reno, che ne colleziona 412. 

APPRFONDIMENTI  Droni e privacy: un rapporto difficile da portare avanti

Leave a Reply

Your email address will not be published.