Bologna, la mappa cittadina delle compravendite di abitazioni

Compravendite di abitazioni a Bologna, +23,7% le transazioni nel 2016. Nel secondo semestre del 2016, secondo quanto emerge dalle rilevazioni dell’Ufficio Studi Gabetti, presso le agenzie Gabetti, Professionecasa e Grimaldi, il capoluogo bolognese ha confermato il trend positivo per il mercato residenziale.

Bologna, la mappa cittadina delle compravendite di abitazioni

La discesa delle quotazioni, -0,7% nel primo semestre del 2016 e -0,3% nel secondo, ha dato ulteriore stimolo al mercato. Bologna, aveva già segnato un andamento positivo nel 2014, registrando una variazione del +18,5%, per un totale di 4.321 transazioni, tendenza confermata anche nel 2015 grazie alle 4.502 transazioni (+4,2%). Nel 2016 il numero di transazioni è stato 5.568, +23,7% rispetto al 2015.

Un altro dato positivo, che contribuisce al maggiore dinamismo di mercato, è quello relativo alle tempistiche medie di vendita, in progressiva diminuzione. In media nel 2016 si sono attestati tra i 4 e i 5 mesi, ma secondo quanto emerge dalle agenzie Gabetti, Professionecasa e Grimaldi, si riscontrano anche tempi più brevi le migliori occasioni come rapporto qualità/prezzo.

Gli sconti in sede di chiusura delle trattative, nel 2016, sono stati mediamente intorno al 12%.

Compravendita abitazioni Bologna 2016

Guardando le diverse zone di Bologna, il Centro e il Centro Storico mantengono il loro appeal a livello di richieste, con una maggiore vivacità in termini di compravendite, in un contesto di quotazioni stabili per le soluzioni di tipologia economica e da ristrutturare, con lievi aumenti per gli immobili in buono /ottimo stato, di cui si riscontra scarsa offerta sul mercato.

Come commenta Giuseppe Albanese, titolare dell’Agenzia Gabetti Bologna Centro: “Nel secondo semestre del 2016 abbiamo registrato un volume di compravendite in crescita rispetto al semestre precedente, in un contesto dove l’offerta è rimasta sostanzialmente stabile. I tempi medi di vendita si attestano intorno ai 3-4 mesi, mentre gli sconti medi in sede di chiusura delle trattative sono stati del 8-10%. Le zone più ricercate dagli acquirenti risultano essere quelle in prossimità di via Santo Stefano e via Massimo D’Azeglio. Le caratteristiche di maggiore importanza si confermano la luminosità dell’appartamento, la presenza di balconi o terrazzi e dell’ascensore, oltre alla preferenza per i piani più alti. Il buono stato manutentivo dell’immobile è un elemento che contribuisce a determinare tempi di vendita più rapidi”.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Le zone del Centro Storico quali via Tribunale, Farini, Santo Stefano, Strada Maggiore, Piazza Maggiore, Piazza Minghetti e Piazza San Domenico hanno quotazioni intorno ai 3.300 – 3.600 € al mq per l’usato medio in buono stato, e a 3.500 – 3.800 in caso di soluzioni signorili, che arrivano fino a 4.300 € al mq per il signorile ristrutturato a nuovo nelle zone top.
Riscontrano una buona domanda anche le zone centrali di via Saragozza (2.100 – 2.500 € al mq per l’usato in buono stato a seconda delle tipologie) e S. Felice (2.000 – 2.300 € al mq per le stesse soluzioni).

La zona Mazzini ha mostrato valori in calo, rispetto al semestre precedente. Le quotazioni medie sono di 2.300 € al mq per l’usato medio in buono stato, che salgono a 2.600 € al mq nel caso di immobili signorili.

Come commenta Paolo Rossi, titolare delle Agenzie Grimaldi Bologna Centro e Mazzini: “Nel secondo semestre del 2016 abbiamo registrato, nel centro di Bologna, un volume di compravendite in crescita rispetto al semestre precedente. Le tipologie maggiormente richieste sono stati i trilocali e quadrilocali, per un budget di spesa medio di circa 160 – 180.000 € in zona Mazzini e 250 – 300.000 € in centro. Le caratteristiche di maggiore importanza per gli acquirenti sono state la presenza di balconi o terrazzi, a fronte di una scarsa offerta sul mercato di appartamenti con queste caratteristiche. Le zone più richieste risultano essere il centro e la fascia che va da piazza Maggiore verso i colli (centro sud). I tempi medi di vendita nelle zone più centrali e per appartamenti in linea con le richieste degli acquirenti risultano molto brevi, intorno a 1-2 mesi, mentre gli sconti in sede di chiusura delle trattative arrivano ad un massimo del 10%”.

APPRFONDIMENTI  Dove sposarsi in Riviera Romagnola: tre destinazioni da sogno

Quotazioni stabili in zona Andrea Costa e Funivia, che si attestano mediamente a 2.800 € al mq per l’usato di tipologia media in buone condizioni e a 3.000 € al mq in caso di immobili signorili. Il nuovo ristrutturato è intorno ai 3.300 € al mq per il medio e a 3.500 € al mq per il signorile.
In zona Barca siamo intorno ai 2.300 € al mq per l’usato medio in buone condizioni, mentre a Casteldebole ci attestiamo su una media di 2.500€ al mq.

La zona Zanardi-Arcoveggio-Carracci presenta quotazioni per le soluzioni usate, che si attestano intorno ai 1.700 € al mq nel caso di immobili di tipologia media in buono stato.

In zona Murri, siamo mediamente a 2.000 € al mq per l’usato di tipologia media in buone condizioni e a 2.700 € al mq in caso di immobili signorili. Il nuovo ristrutturato è intorno ai 2.400 € al mq per il medio e a 3.500 € al mq per il signorile.

In zona Santa Viola le quotazioni si attestano intorno ai 1.600€ al mq nel caso di immobili usati di tipologia economica in buono stato, mentre siamo a 1.800 € al mq per le soluzioni medie e a 2.300 € al mq per il signorile.

SOURCE: Elaborazione Ufficio Studi Gabetti su dati Agenzia del Territorio

Leave a Reply

Your email address will not be published.