Copa Libertadores 2013: Ronaldinho insegue la storia

L’Atletico Mineiro dovrà recuperare in casa la sconfitta contro l’Olimpia per cercare di vincere per la prima volta il massimo trofeo continentale. I paraguaiani a caccia del quarto successo

Copa Libertadores 2013: Ronaldinho insegue la storia

Ronaldinho Atletico MineiroPer un conoscitore superficiale del calcio sudamericano, quando legge della finale di Copa Libertadores tra i paraguaiani dell’Olimpia Assuncion (3 volte vincitori del trofeo) e i brasiliani dell’Atletico Mineiro (dove gioca Ronaldinho), avrebbero sicuramente puntato tutti i loro soldi su quest’ultima. E invece il calcio è estremamente strano, la squadra sulla carta più forte è stata sconfitta per 2-0 all’andata ed ora rischia di veder naufragare le loro speranze se al ritorno non compiranno una vera e propria impresa per capovolgere il passivo.

IL CAMMINO – L’Olimpia arrivava da un pareggio ed una sconfitta in casa sulle sei partite disputate, statisticamente strafavorita dai risultati rispetto i brasiliani molto discontinui da questo punto di vista. Ronaldinho Gaucho e compagni hanno vinto il girone totalizzando più punti di tutte le squadre giunte prime nella fase a gironi della manifestazione. In Sud America questo da un vantaggio, in quanto la prima classificata affronterà la peggior seconda in termini di punti, ipoteticamente rappresenterebbe la più debole del lotto delle seconde. Caso vuole sia di nuovo il San Paolo (avversario affrontato con una vittoria e una sconfitta nel girone), e questa volta i connazionali vengono eliminati con il 2-1 dell’andata in casa, ed il 4-1 del ritorno. Dai quarti in poi un’odissea in termini di risultati e prestazioni: mentre i paraguaiani procedevano spediti eliminando Fluminense e Santa Fè, il Mineiro faticava ad eliminare i messicani del Tijuana grazie al doppio pareggio (2-2 e 1-1) e con il Newells Old Boys riusciva nell’impresa (forse un buon auspicio) di eliminare gli argentini rimontando lo 0-2 dell’andata, eliminandoli ai rigori dopo il 2-0 del ritorno. (clicca qui per conoscere i pronostici Libertadores)

APPRFONDIMENTI  Lavoro: le figure professionali piu ricercate secondo LinkedIn

RONALDINHO INSEGUE LA STORIA – Dunque è questo ciò che attende i brasiliani, stesi all’andata da dai gol di Silva e Pittoni (al novantatreesimo minuto), un’autentica mazzata per i sogni e le speranze dei verdeoro. Ronaldinho è chiamato a riscattare la deludente gara di andata, i suoi compagni e i suoi tifosi affideranno alle sue giocate la gara di ritorno che si disputerà il 25 luglio alle ore 2:50 italiane. Il Gaucho però ha un’opportunità interessante, quella di aver vinto in carriera oltre il mondiale, anche le due competizioni più importanti a livello di club: la Champions League (nel 2006 con il Barcellona) e la Copa Libertadores (nel 2013 con l’Atletico Mineiro).

Mirko Di Natale
Twitter: @_Morik92_

Leave a Reply

Your email address will not be published.