Omicidio-suicidio a Zola Predosa. Ipotesi sesso estremo finito in tragedia

Ancora da decifrare le dinamiche del decesso della coppia, ma i carabinieri sospettano si tratti di un omicidio-suicidio

Omicidio-suicidio a Zola Predosa. Ipotesi sesso estremo finito in tragedia

Omicidio Suicidio Zola PredosaDue cadaveri sono stati rinvenuti intorno alla 10.45 in un’abitazione a Zola Predosa dai Carabinieri della Compagnia di Bologna Borgo Panigale e della Stazione Locale di Zola.  Si tratta di un uomo di 60 anni e della compagna di 42.

A lanciare l’allarme alle forze dell’ordine sarebbe stato il fratello della donna, insospettito della sua presenza al civico 19 di via Berlinguer, poiché questa mattina non si era presentata ad un importante di lavoro.

L’INDAGINE – Ancora da decifrare le dinamiche del decesso della coppia, ma i carabinieri sospettano si tratti di un omicidio-suicidio: a confermare quest’ipotesi sono i segni di colpi di arma da taglio riscontrati sul corpo dell’uomo dalla Scientifica nel corso dei primi accertamenti sulla scena del crimine.

Tra le ultime ipotesi al vaglio degli inquirenti non è da escludere un gioco erotico finito male.
Il cadavere della donna è stato trovato riverso e completamente nudo sul pavimento di fianco al letto matrimoniale, e non è escluso che M.O. sia morta asfissiata. L’uomo, in preda alla disperazione si sarebbe quindi pugnalato per togliersi la vita. A quanto si apprende l’uomo era agli arresti domiciliari per droga.

Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e il pm di turno Marco Mescolini, che ha aperto un’indagine.

Nelle prossime ore verranno ascoltati dai magistrati familiari e conoscenti delle vittime per tentare di ricostruire il delicato puzzle di rapporti e l’eventuale movente che ha condotto alla mattanza di Zola Predosa.

Leave a Reply

Your email address will not be published.